acqua

Enterococchi, le analisi dell’Arpacal rassicurano i rendesi: ‘Nessuna contaminazione’

Ritirata l’ordinanza sindacale che imponeva il divieto dell’utilizzo delle acque potabili a scopo alimentare.

 

RENDE (CS) –  Nelle scorse ore i laboratori dell’Arpacal hanno comunicato all’Asp di Cosenza l’esito delle controanalisi sul serbatoio di località Surdo. Nel referto tutti i valori risultano, come confermato dall’ufficio Igiene Pubblica Alimenti, in linea con i parametri previsti dalla legge. Ad oggi quindi, grazie all’immediata clorazione eseguita dal gestore del servizio, la società Acque Potabili Servizi Idrici Integrati, la presenza di enterococchi è stata debellata. Ricevuta la comunicazione da parte del servizio sanitario, il sindaco di Rende Marcello Manna ha subito provveduto a ritirare l’ordinanza con la quale lo scorso venerdì era stato imposto ai cittadini di Surdo, Saporito e del centro storico di Rende il divieto di utilizzo delle acque potabili a scopo alimentare. Dal suo canto, l’Asp di Cosenza ha già fatto sapere che si adopererà per andare ad individuare la causa che ha portato ad una temporanea contaminazione della forniture idriche.