Inps truffata per un milione e 200mila euro grazie a false assunzioni

COSENZA – Lavoratori fittizi per lavori inesistenti.

Appalti e commesse inventati di sana pianta e dipendenti fantasma presenti solo ‘sulla carta’. I dati delle aziende agricole per le quali avrebbe dovuto raccogliere frutta e verdura in quantitativi tali da dover rendere necessaria l’assunzione di personale erano stati acquisisiti abusivamente. Partita Iva, dati anagrafici dei titolari e le parcelle dei terreni posseduti erano stati estrapolati da società ignare di tutto clienti del quarantacinquenne di Corigliano ideatore della truffa scoperta oggi dalla Guardia di Finanza di Corigliano. S. G. sarebbe stato l’intestatario di tre cooperative attraverso le quali avrebbe dato vita ad una frode milionaria ai danni dell’INPS predisponendo falsi contratti di appalto, poi trasmessi all’Inps al fine di giustificare la denuncia di manodopera agricola. Le cooperative gestite da S. G. operavano apparentemente nel settore dei servizi in agricoltura ed erano inquadrate ai fini previdenziali nelle cosiddette “aziende senza terra” con la garanzia del pagamento di disoccupazione e malattia ai braccianti agricoli. Dalle analisi condotte dalla Guardia di Finanza sulle campagne agrumarie 2007-2013 incrociando i dati di 40 aziende diverse che risultavano essere clienti delle cooperative dedite alla truffa, pur non avendo mai comprato da queste alcunchè, è emerso che pur non essendo a conoscenza di ciò che accadesse queste avrebbero contibuito ad agevolare le operazioni fatte all’Inps dagli autori della ‘rapina’ all’istituto previdenziale. Per la raccolta deglia agrumi sono state infatti denunciate arbitrariamente 23mila giornate di lavoro mai prestate a carico di 72 falsi braccianti agricoli che avrebbero percepito nei mesi indebiti rimborsi come l’indennità di malattia e la disoccupazione per un esborso totale da parte dell’Inps di circa un milione e duecentomila euro. L’amministratore delle coop. e i finti dipendenti sono stati tutti denunciati a piede libero per truffa aggravata e falso.