Un calcio al razzismo: la più bella vittoria della Romualdo Montagna

COSENZA – Uno a zero. Il calcio batte il razzismo. E’ questo lo spirito che ha avuto l’iniziativa organizzata da Mario Gagliardi, per ricordare le tre vittime del rogo

di via XXIV Maggio.  La manifestazione, disputata domenica sul terreno della scuola calcio, della società sportiva di via Rivocati, che ha visto partecipare squadre di diverse nazionalità, è stata, ulteriormente, resa ricca di significati e di spunti di riflessione, grazie alla partecipazione sportiva ed agonistica dei bambini della scuola calcio “Romualdo Montagna”, di cui Mario Gagliardi è presidente, con pari età di diverse nazionalità. La valenza della kermessa e il suo vincente successo, è reso ancora più significativo dalla gioia dei genitori di veder, per un’intera giornata, socializzare i propri bambini senza aver problemi della specialità di colore di pelle anche avendo delle difficoltà nel capirsi con le lingue diverse. Invece nel pomeriggio le stesse sensazioni sono state vissute dai genitori e dei gruppi che rappresentava l’Italia di cui vincitrice di questa manifestazione. In serata dopo aver premiato le squadre, Mario Gagliardi ha offerto un buffet con vari prodotti calabresi, interloquendo fino a tarda sera è insieme a tutti i partecipanti che, sono rimasto entusiasti della splendida giornata trascorsa. Grande è stata la soddisfazione del numero uno della scuola calcio, nel vedere che anche i bambini di piccola età possono apprendere e sviluppare il gioco del calcio come si può vedere nella foto con Said, Jean ed il piccolo Mario Gagliardi.