8 Marzo, Russo su violenza sulle donne

COSENZA – Il segretario generale dell’Unione sindacale Cisl di Cosenza Tonino Russo, in occasione della festa delle Donne, oggi, 8 Marzo, denuncia e si pronuncia sulla gravissima piaga che vede protagonista la violenza

sulle donne :“I continui soprusi, la violenza esercitata sulla donna, le  barbare mutilazioni alle quali sono sottoposte anche nel nostro Paese in seno alle famiglie di immigrati, il trattamento salariale discriminatorio e a volte mobbistico sulla donna lavoratrice costituiscono purtroppo fattori negativi che ostacolano il legittimo ruolo della donna nella società.

Anche nel nostro ambiente la discriminazione in danno della donna non emerge sempre totalmente perché nell’ambito familiare chi subisce spesso tace. Penso che, promuovendo una “giornata” che ha preso avvio agli inizi del secolo scorso in seguito alla tragedia in cui sono state coinvolte centinaia di donne lavoratrici, non sia fuori luogo oggi dedicare un pensiero alla 

donna che vive e opera spesso in difficoltà anche nella società locale”.

Con queste parole, Tonino Russo, vuole riaffermare l’impegno della Cisl “contro ogni violenza sulle donne e sui minori, contro la violenza sul lavoro, domestica, contro la riduzione in schiavitù, le mutilazioni genitali”.“Dobbiamo dire no alla violenza sulla donna perché ciò costituisce un impegno di civiltà, un impegno che riguarda tutti, donne e uomini a tutte le latitudini perché solo insieme le azioni e le iniziative possono trovare quella forza necessaria capace di innestare il cambiamento e porre fine ad un fenomeno che è un crimine contro l’umanità”. Ma non si ferma qui, continua:“L’azione positiva in favore della donna non si limita a generiche affermazioni di principio, ma è statutariamente sancita con l’obbligo di assicurare a tutti i livelli dell’organizzazione la presenza di genere almeno al 30 per cento degli eletti, tanto che la nostra segreteria territoriale annovera – e non è la prima volta – una donna con incarichi impegnativi. Lo stesso accade a livello di categorie ed una fra queste, la Cisl – Scuola, esprime al vertice una segreteria tutta al femminile”.