Bollette d’acqua ‘salate’ per i cosentini, Marco Ambrogio chiede al Comune l’immediato ritiro (AUDIO INTERVISTA)

Inammissibile che un’amministrazione invii bollette pazze. Occhiuto le ritiri subito.

 

COSENZA – “Il periodo attuale non é sicuramente dei migliori dal punto di vista economico per i cittadini che si trovano a fronteggiare già una crisi che ha portata nazionale. Nella nostra città poi il tutto è aggravato da periodiche uscite schizofreniche dell’amministrazione Occhiuto che, come sta avvenendo negli ultimi giorni, ha fatto recapitare nelle case dei cosentini bollette dell’acqua che nulla hanno a che vedere con la realtà. Numeri astratti, inventati, artatamente gonfiati che non ritraggono le reali cifre sia per ciò che concerne il consumo che il relativo costo da versare nelle casse comunali. Infatti l’amministrazione comunale ha pensato bene di applicare un consumo idrico medio per famiglia che finisce per penalizzare l’utenza che intanto é costretta a pagare qualcosa che non ha consumato per poi eventualmente richiedere una restituzione che nelle migliori delle ipotesi avviene a distanza di anni. Per tali motivi – spiega il consigliere Marco Ambrogio – abbiamo chiesto al sindaco Occhiuto l’annullamento immediato delle bollette “non veritiere” di recente inviate per poi procedere in brevissimo tempo alla lettura reale dei consumi in modo da non penalizzare due volte i cittadini”.

Marco Ambrogio è intervenuto sull’argomento in diretta ai microfoni di Rlb Radioattiva sottolineando che oltre al ‘danno’ delle bollette dell’acqua, presto per i cosentini, anche la beffa del prossimo tributo da pagare, ovvero la tassa sui rifiuti.

ASCOLTA L’INTERVISTA