ASCOLTA RLB LIVE
Search

Riconoscimento ad Eugenio Carbone, stilista cosentino che vestì Mina

 

COSENZA – Quando in televisione passano, piuttosto di frequente, le immagini, conservate nelle Teche RAI, della cantante Mina che duetta con Totò in un vecchio sketch di “Studio uno”,

storica trasmissione della tv in bianco e nero, nessuno ha mai lontanamente pensato che l’elegante abito nero della grande Mina potesse essere una creazione di uno stilista cosentino. Eppure è proprio così. Eugenio Carbone, stilista e modellista di particolare talento, cosentino (originario di Mendicino), ha lavorato per oltre mezzo secolo nel campo dell’Alta moda femminile con alcuni degli atelier piĂą prestigiosi del panorama nazionale, da Germana Marucelli alle sorelle Fontana, a Renato Balestra. Suoi sono alcuni degli abiti indossati nei mitici anni sessanta, dalle cantanti Mina e Katyna Ranieri, moglie quest’ultima del noto compositore di musiche da film Riz Ortolani, e dall’attrice Rosanna Schiaffino. All’etĂ  di ottant’anni, oggi Eugenio Carbone è un signore appartato, di poche parole, ma con dentro un’energia e una vitalitĂ  che continuano a sorprendere per l’entusiasmo col quale accompagna i progetti che sta continuando a realizzare e quelli che ha in animo di veder realizzati per il futuro. La sua storia sorprendente e affascinante non è sfuggita alla Commissione cultura di Palazzo dei Bruzi, presieduta da Claudio Nigro, che ieri, quasi a voler conferire piĂą solennitĂ  all’audizione che ha ospitato Eugenio Carbone, ha voluto che l’iniziativa nel corso della quale è stato tributato allo stilista cosentino l’omaggio della cittĂ  di Cosenza, si svolgesse al Teatro “Rendano”, alla presenza anche di una delegazione del Comune di Mendicino, guidata dall’Assessore alla cultura Francesca Reda e integrata dal consigliere provinciale Mario Giordano e da Antonio Catalano, uomo di cultura, anch’egli mendicinese e amico d’infanzia di Eugenio Carbone. Ed è nella buvette del teatro di tradizione cosentino che Carbone, che si è piacevolmente soffermato anche a visitare la sartoria del “Rendano”, è stato ricevuto dalla Commissione cultura al gran completo. Breve introduzione del Presidente Nigro che ha considerato “un onore ospitare in commissione Eugenio Carbone” e poi spazio alla relazione del consigliere Mimmo Frammartino che ne ha ripercorso la figura di artista poliedrico, stilista, ma anche grande pittore. Dopo l’apprendistato, iniziato all’etĂ  di 14 anni in una sartoria del suo paese (Mendicino) e dopo averne aperto una tutta sua a Cosenza, dove si recavano le signore della buona borghesia della cittĂ , quando all’etĂ  di 30 anni si trasferì a Roma per dolorose vicende familiari, Eugenio Carbone fece l’incontro che gli cambiò la vita, con Germana Marucelli, pioniera dell’Alta moda Italiana che per prima cominciò ad affrancarsi dalla dipendenza italiana dalla moda parigina. â€śE’ da quel momento – ha rimarcato Frammartino – che per la Marucelli Carbone diventa quasi uno sperimentatore di nuovi orizzonti nella moda italiana, sprigionando tutta la sua creativitĂ  e fantasia.” Al periodo trascorso nell’atelier romano della Marucelli risale l’incontro con Mina. Quando la cantante era così impegnata da non trovare il tempo di passare dall’atelier, era lo stesso Eugenio a recarsi a casa sua, in Largo di Torre Argentina, per la prova degli abiti. Nell’altro atelier della Marucelli, quello di Milano, che era stato trasformato in una sorta di salotto artistico-letterario, frequentato prevalentemente da poeti, Eugenio Carbone conobbe Salvatore Quasimodo, ma da quelle stanze passarono anche Eugenio Montale e Giuseppe Ungaretti, come ha ricordato in commissione cultura anche il Presidente Claudio Nigro. Con Germana Marucelli, Carbone restò fino al 1969, per poi approdare all’atelier delle sorelle Fontana, prima come operaio nella produzione, poi, preso a ben volere da Micol, una delle sorelle, come creatore di modelli per la nota maison nella quale lavorò per oltre 30 anni. Dall’82 Eugenio Carbone comincia ad insegnare nelle piĂą importanti scuole di moda, attivitĂ  che continua ancora oggi e che si è arricchita di un nuovo e importante tassello. Lo stilista cosentino ha, infatti, brevettato un rivoluzionario metodo didattico che innova profondamente gli insegnamenti ancora troppo legati alla tradizione delle scuole di taglio. L’obiettivo di Eugenio Carbone, con il suo metodo di insegnamento esclusivo, ottenuto con la progettazione libera su un manichino appositamente

brevettato, è quello di trasferire competenze e capacitĂ  alle nuove generazioni, in una sorta di passaggio di testimone. Con vantaggi non da poco, dai costi, molto piĂą contenuti, ai tempi di realizzazione che risultano notevolmente piĂą brevi. Quando gli tocca prendere la parola, senza rinunciare alla sua indole mite ed appartata, dopo i sinceri ringraziamenti a tutta la Commissione e all’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Mario Occhiuto, Eugenio Carbone si mostra riconoscente “per il grande regalo che mi avete fatto. Al termine della mia carriera – sottolinea – dopo aver fatto il sarto, il modellista, lo stilista e l’insegnante di moda, il

mio desiderio piĂą grande è proprio quello di trasferire il bagaglio di esperienze che ho accumulato alla giovani generazioni.” Dal passato riaffiora qualche ricordo: “negli atelier della Marucelli e delle sorelle Fontana mi si è aperto un mondo nuovo e lì ho cominciato a capire come si crea una collezione.” La chiusura è della Vice Presidente della Commissione Maria Lucente per la quale “Eugenio Carbone è un artista alla ricerca di sempre nuove modalitĂ  di espressione . E’ sorprendente vederlo attendere, nonostante la sua etĂ  matura, il completamento della sua arte. C’è come una sorta di aspettativa del divenire che ci predispone al disvelamento di chissĂ  quali sorprese ancora. In lui si coglie un’energia artistica mai sopita”.