ASCOLTA RLB LIVE
Search

Carnevale con i bambini e la parata…differenziata

COSENZA – Un Carnevale improntato sul tema della raccolta differenziata, è quello promosso dall’Assessorato alla formazione della coscienza civica e alla

scuola guidato da Marina Machi’, previsto per sabato prossimo 9 febbraio, che coinvolgera’ circa 300 bambini di 12 scuole primarie della citta’. Il corteo carnascialesco, denominato per l’occasione “parata differenziata”, partira’ alle ore 10,00 da Piazza XI Settembre per poi percorrere l’isola pedonale fino a Piazza dei Bruzi dove i bambini si esibiranno in una coreografia multicolore.

All’iniziativa hanno aderito le scuole primarie “S.Teresa” di via dei Martiri, dello Spirito Santo, di Casali-Caricchio, di via Misasi, il Convitto nazionale e ancora le scuole di via Milelli, Donnici, via Popilia, la scuola “Falcone” di Viale Parco, la “Cuturella” e quelle di viale Cosmai e via Negroni. La parata e’ in preparazione da circa due settimane nelle diverse sedi scolastiche, grazie al lavoro certosino delle associazioni che collaborano con l’Assessorato alla scuola e cioe’ la Cooperativa delle Donne e l’ADISS, integrate queste ultime dalla preziosa presenza di tre artisti: Gianluca Salamone, Merusca Staropoli e Lindara Nobre Costa. 

Le operatrici delle cooperative e gli artisti si stanno recando, infatti, nelle scuole dove stanno portando avanti un attento e proficuo lavoro propedeutico alla parata di sabato 9 febbraio. Nei laboratori attivati in ognuna delle scuole coinvolte si stanno realizzando i costumi, le maschere e gli strumenti musicali (costruiti con materiali poveri, di scarto e di riciclo : cartone, plastica, tappi di bottiglia) che saranno utilizzati durante il corteo di Carnevale.

A sottolineare il significato dell’iniziativa di sabato prossimo e’ l’Assessore alla formazione della coscienza civica e alla scuola Marina Machi’. “La parata di Carnevale – sottolinea Marina Machi’ – non vuole essere, nelle nostre intenzioni, un evento fine a se stesso, ma rappresenta il risultato di un percorso che, grazie all’aiuto delle esperte operatrici della Cooperativa delle donne e dell’Adiss, abbiamo voluto costruire attorno ai bambini delle nostre scuole primarie, coinvolgendoli direttamente nella preparazione della sfilata. L’idea di legarla al tema della raccolta differenziata e’ una forma di comunicazione non convenzionale che invita ad avvicinarsi alle buone pratiche all’insegna della sostenibilita’ ambientale e del consumo consapevole”.