La posta riaprirà: Redipiano vince la sua battaglia

COSENZA – Il Tar spedisce la sentenza con la … raccomandata. La questione della chiusura dell’ufficio postale di San Pietro in Guarano

, ubicato nella popolosa frazione di Redipiano, aveva sollevato un polverone, con l’intera comunità, la giunta e tutto il consiglio comunale che erano scesi in strada per manifestare il loro dissenso contro la decisione delle poste italiane. “Chiudere l’ufficio postale – avevano tuonato in coro – è come determinare la morte sociale di un centro. Ci sono anziani, pensionato e donne che non saprebbero più dove recarsi per pagare le bollette o per andare a riscuotere la pensione”. La protesta collettiva, però, non aveva avuto l’effetto sperato. Le Poste italiane, infatti, avevano confermato il provvedimento di chiusura, senza concedere alcuna possibilità di apertura del dialogo. Incassato il giudizio negativo, il sindaco Francesco Acri, ha dato mandato ai suoi legali, di provvedere ad inoltrare un ricorso d’urgenza al Tar per ottenere giustizia. L’obiettivo, infatti, è stato raggiunto: Il Tar, infatti, ha annullato in via cautelare la chiusura dell’ufficio postale di Redipiano. Il pronunciamento che, com’era prevedibile, ha scatenato l’entusiasmo generale, diverrà definitivo il prossimo 7 marzo, quando il verdetto verrà chiuso con la ceralacca.