Tutti al Rendano, c’è Shrek

COSENZA – Il progetto ideato nella passata stagione dall’assessorato alla coscienza civica e alla scuola guidato da Marina Machì e dal direttore artistico

del teatro Rendano Isabel Russinova, dal tema suggestivo “Ogni luogo contiene segreti”, vede la sua totale ripresa con un fantastico spettacolo teatrale, “Shrek, il musical”.

L’approccio diventa molto più interessante se, sul palcoscenico ci si presenta quel simpatico orco verde, vincitore dell’Oscar e di innata fantasia.

Il mondo fantastico, in cui risiedono i più piccoli, bambini delle scuole primarie e medie inferiori, potranno veder diventare realtà i personaggi di uno dei cartoni animati più seguiti

Lìappuntamento è per mercoledì 23 gennaio, alle 9.30, quando sul palcoscenico del Rendano le maestranze saranno al lavoro per dare vita al mondo di Shrek, che debutterà la sera alle 20.30. La mattina dopo, giovedì 24, i bambini torneranno a vedere lo spettacolo, popolato da tutti i personaggi di quel mondo.

L’assessore Marina Machì spiega:“Il senso dell’iniziativa è duplice. Da un lato, vogliamo dare ai ragazzi l’opportunità di gettare sul teatro uno sguardo diverso, uno sguardo per così dire obliquo e non frontale, un approccio multilaterale e non unilaterale. D’altro canto, si vuole far luce su tutte quelle figure che, in teatro, non sono protagoniste, ma operano nell’ombra e che tuttavia costituiscono l’anima di uno spettacolo: mi riferisco ai tecnici (fonici, elettricisti, macchinisti, attrezzisti, ecc.) il cui lavoro – imprescindibile – è poco noto ai più. Con la speranza che gli alunni si interessino a questi mestieri e magari, qualcuno, ci si appassioni e, perché no, un domani, voglia esercitare una di queste professioni.”

Isabel Russinova commenta:”Sono molto lieta che si riproponga questo interessantissimo progetto. Il teatro, per amarlo davvero, bisogna conoscerlo in tutti i suoi meccanismi e non soltanto nel momento della messa in scena. Ciò vale ancor di più per i giovani, per i bambini, ai quali il Sindaco Occhiuto ha voluto che questa stagione teatrale riservasse una attenzione particolare. Passando per le scuole, con le quali questa Amministrazione vuole lavorare in una reciprocità di obiettivi, in un chiamarsi continuo tra scuola e territorio e viceversa”.