ASCOLTA RLB LIVE
Search


Sebastiano Barbanti a Scura: “riorganizzi la sanitĂ  secondo gli standard di legge, non quelli politici” (AUDIO INTERVISTA)

Ancora una volta è la Sanità il tema che tiene banco in Calabria, una regione il cui settore è commissariato da anni senza novità sostanziali se non tagli che sono andati a discapito di cittadini e pazienti.

COSENZA –  Il Commissario ad acta per il piano di rientro Massimo Scura ha emanato un decreto, il n. 9 del 2 aprile 2015 “Approvazione riorganizzazione della rete ospedaliera,della rete dell’emergenza urgenza e delle reti tempo dipendenti” che è apparentemente positivo, fermo restando però che i criteri utilizzati nella revisione siano omogenei su tutto il territorio regionale. Fino ad oggi, però, constatiamo che in Calabria non ci sono cittadini di serie A e altri si serie B nonostante il diritto alla salute è garantito costituzionalmente a tutti. La pensa così il deputato di Alternativa Libera, Sebastiano Barbanti che ha voluto rivolgere alcune contestazione al commissario Scura. ” Ricordo al Commissario Scura – dichiara Barbanti – che nell’Ospedale di Lamezia Terme dovrebbe procedere all’attivazione immediata dei reparti di Oculistica, Otorinolaringoiatria che sono previsti nella dotazione degli spoke del decreto n. 9 e del reparto di Neurologia e che, anche se previsto nel decreto 18 del 2010, non è stato mai attivato e continua a non essere previsto nel decreto n. 9 firmato proprio da Scura”.

“Ricordo al Commissario – prosegue – che la pianificazione del posti letto nella Regione lascia scoperti interi territori che sono sotto gli standard nazionali e che le sentenze del Consiglio di Stato vanno rispettate sia Praia a Mare che per Trebisacce. Infatti la fascia jonica della Provincia di Cosenza è sotto gli standard nazionale e nell’area Centro c’è una sperequazione a favore della cittĂ  di Catanzaro e dove tra Pugliese-Ciaccio, Policlinico Universitario e tre cliniche private si contano oltre 900 posti letto (oltre il 9×1000)e dove si continuano ad esistere doppioni e triplicazioni di reparti nonostante il decreto 106 del 2011 prevedono espressamente la eliminazione di tali sprechi”.

Il commissario alla SanitĂ , Massimo Scura

Il commissario alla SanitĂ , Massimo Scura

“A Catanzaro si finanziano 3 reparti di chirurgia generale e di ortopedia quando gli standard nazionali ne prevedono 1 ogni 100-200 mila abitanti ;2 reparti di chirurgia vascolare a fronte di 1 ogni 400-800 mila abitanti e 3 reparti di cardiologia con emodinamica e gli standard dicono che devono essere 1 ogni 300-600 mila abitanti; 2 reparti di cardiochirurgia, 2 di neurochirurgia e 2 di chirurgia plastica e gli standard sono di 1 ogni 600 mila massimo 1,2 milioni di abitanti). Infine è paradossale che il commissariofirmi un decreto, il numero 9, dove è previsto al punto 13.2.1 la costituzione “per ogni rete di un gruppo tecnico comprendente alcuni clinici, Direttori sanitari” e continua ad essere colpevolmente omissivo. Infatti non essersi dotato di un documento tecnico alla base delle decisioni programmatori e ha comportato il non completamento della rete politrauma sulla erronea motivazione della casistica non sufficiente per individuare l’HUB “ Centro di Alta Specializzazione” che viene indicato genericamente “Fuori Regione” con la conseguenza della impossibilitĂ  del trattamento adeguato della patologia.  La mancanza di un documento tecnico ha comportato anche che nell’area Centro per la rete tempo dipendente ictus venisse indicato come HUB l’ospedale di Catanzaro che,come viene riportato nello stesso documento,non è abilitato al trattamento trombo litico e non ,invece,l’unico reparto che nella stessa area è autorizzato dal 2006 ed ha la maggiorecasistica regionale,cioè il reparto di Neurologia con Stroke Unit dell’Ospedale di Vibo Valentia, con la conseguenza che nel trattamento di patologie ove il tempo di intervento rispetto all’insorgenza della malattia è essenziale,i giornali riportano di pazienti mandati a Catanzaro e poi trasferiti a Vibo”.

“Il Commissario Scura forse non sa che – conclude Barbanti – l’altra rete tempo dipendente,quella della rete cardiovascolare,è stata addiritturastabilita con una delibera regionale (n.728 del 4 novembre 2011)a seguito della nomina di un commissione tecnica. Perciò ilCommissario Scura si muova secondo le linee guida del crono programma che ha firmato e nomini le commissioni tecniche con i compiti specifici per le reti tempo dipendenti “Politrauma” “Ictus” e “Trasfusionale” e dopo assuma le conseguenti decisioni che sicuramente non conterranno gli errori del decreto n. 9”.

Per ribadire i concetti e le perplessità fin qui espresse, il deputato Sebastiano Barbanti è intervenuto questa mattina ai microfoni di Rlb Radioattiva.

ASCOLTA L’INTERVISTA