Istituto Canossiane scade la requisizione, Occhiuto rassicura gli occupanti: ‘Nessuno sgombero’

Le suore vorrebbero vendere lo stabile al Comune di Cosenza al prezzo di tre milioni di euro.

 

COSENZA – Trattativa in corso per l’acquisto dell’Istituto delle suore Canossiane di via Tommaso Arnoni nei pressi di viale della Repubblica. Occupato da circa un anno e mezzo lo stabile abbandonato da anni è ora abitato da cento senzatetto tra cui quindici minori e due disabili. Il 20 Marzo scorso il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, per scongiurare lo sgombero sollecitato dalle sorelle dell’ordine delle Figlie della Carità Canossiane, ha requisito la struttura per 90 giorni con un’ordinanza contingibile e urgente. La scadenza del provvedimento avverrà domani. Data l’impossibilità del municipio bruzio a garantire soluzioni abitative alternative per gli occupanti, è stato deciso di acquistare l’immobile per il quale in questi tre mesi il Comune ha già pagato 10.500 euro d’affitto che verranno poi detratti dal prezzo d’acquisto finale. E proprio sul costo dell’intera struttura, per la quale le suore chiedono la corresponsione di tre milioni di euro, la trattativa pare si sia rallentata. Il Settore Patrimonio e il Dipartimento Tecnico intanto continuano a lavorare per portare a termine l’acquisto della struttura. ”Abbiamo trattato con le suore Canossiane – spiega Occhiuto – per la definizione delle procedure. E’ in corso la valutazione da parte dell’ufficio Tecnico Erariale. Loro chiedono circa tre milioni di euro, ma l’acquisto avverrà sicuramente ad una cifra inferiore. Al momento posso dire che non c’è alcun rischio di sgombero. La trattativa mi auguro che si concluderà positivamente al più presto”.