Superatati gli 810 positivi nel cosentino. Tra Cosenza e Rende oggi 25 nuovi contagi

Torna a salire rispetto a ieri il numero dei nuovi contagi nel cosentino che fa registrare +51  nuovi casi. La maggior parte riscontrati nell’area urbana, nel Savuto e nella Valle del Crati con 44 positivi in più. Crescono i ricoveri con 4 nuovi ingressi.

.
COSENZA – Sono 51 i nuovi contagi accertati oggi dall’Asp di Cosenza in tutta la provincia, in leggera crescita rispetto al dato di ieri quando se ne erano registrati 44. Numeri che portano il totale dei positivi in tutto il cosentino a 810 e a superare i 1500 casi totali dall’inizio della pandemia, comprese le vittime e i guariti. La maggior parte dei nuovi positivi arriva dal distretto Cosenza-Savuto (+30), 14 dai comuni della Valle del Crati mentre sul Tirreno oggi si contano 4 nuovi contagi. Altri due arrivano allo Ionio e uno diagnosticato anche da un’altra Asp provinciale.

Tra Cosenza e Rende 25 nuovi contagi

Continuano a registrarsi contagi sia nella città di Cosenza, che ad oggi conta 141 contagi (+16 da ieri) con 14 persone ricoverate in ospedale, che a Rende dove salgono a 81 i positivi totali (+9) con due ricoveri. Qui il sindaco Manna, in attesa del tracciamento e dei tamponi dopo alcune positività riscontrate in alcune scuole, ha deciso la chiusura totale di tutti gli istituti fino al 31 ottobre. Altri due casi a Mendicino che ora conta 6 positivi. A Montalto Uffugo sono 27 i positivi con un ricovero. Un nuovo contagio a Bisignano (sono 7 i contagi totali), uno in più a Rose (8 i casi totali) e uno a Paterno (due il totale dei positivi).

Due contagi a Dipignano. La situazione alla Madonna della Catena

Anche Dipignano conta 2 positivi (+1 da ieri). Dopo la notizia della positività al test rapido di 16 pazienti ricoverati alla Madonna della Catena di Laurignano, il sindaco Gaetano Sorcale ha specificato che “è stato prontamente contattato il Dipartimento di prevenzione e igiene pubblica della ASP di Cosenza e il personale dirigente della Clinica. Dai colloqui telefonici è emerso che dai primi screening, su pazienti e personale dipendente, sono risultati 16 degenti sospetti attualmente in attesa di risultati del tampone di tipo molecolare da parte dell’ASP di Cosenza. I soggetti in questione sono stati isolati e messi in sicurezza in apposito reparto già allestito, dall’inizio dell’emergenza pandemica, in un piano dedicato e riservato della struttura. È stato fin da subito instaurato un canale di comunicazione tra il Comune, l’ASP e la Clinica, pertanto qualora ci siano degli sviluppi vi sarà un aggiornamento immediato tale da permettere di predisporre le adeguate contromisure. Si rassicura, quindi, tutta la popolazione circa l’andamento della situazione che al momento non desta particolare preoccupazione”.

Nuovi casi nel focolaio della Presila

Ad oggi nei comuni Presilani sono 208 i contagi accertati: 85 a Casali del Manco (+6) con 9 persone ricoverate, 48 a Spezzano della Sila con quattro ricoveri, 36 a Celico con due ricoveri, 22 a Rovito (+1) con un ricovero, 17 a San Pietro in Guarano (+2) che conta anche quattro ricoveri. Un nuovo caso a Lappano (che ora ha due contagi) mentre da ieri non si registrano nuovi casi a San Giovanni in Fiore che conta 16 positivi.

Il focolaio sul Tirreno

Sul Tirreno cosentino, altro focolaio attivo, sono 4 i nuovi casi di oggi. Crescono ancora a Paola (+3) che conta ad oggi 11 contagi totali, un nuovo contagio a Diamante (che conta 11 positivi) e due in più a Cetraro che ha un totale di 27 casi.

Nuovi ricoveri, 5 persone in terapia intensiva

Cresce ancora il numero dei ricoveri divisi tra l’Annunziata e il Santa Barbara di Rogliano riattivato due giorni fa. Sono 49 in totale (+4 da ieri): 44 ricoverate in Malattie infettive e cinque in rianimazione. Salgono invece a 763 le persone positive in isolamento domiciliare. Di queste 631 sono asintomatiche e 132 presentano sintomi. Nelle ultime 24 ore si segnalano 5 persone guarite con il totale di chi ha sconfitto e superato l’infezione che cresce a 597. Nessun decesso nelle ultime 48 ore con il totale delle vittime complessive che è di 40. Attualmente sono 68 i comuni del cosentino dove si registrano uno o più casi di coronavirus, a cui si aggiungono anche alcuni casi in isolamento in altre province Calabresi ma diagnosticati dall’ASP di Cosenza.