Cosenza, in arrivo nuovi buoni spesa per le famiglie in difficoltà a causa del Covid

Il Comune pubblica l’avviso per l’accesso alle misure adottate dalla Regione per le famiglie in difficoltà, a causa dell’emergenza da Covid-19

 

COSENZA – Il Comune di Cosenza ha pubblicato l’avviso per l’erogazione di misure di sostegno e solidarietà in favore di nuclei familiari in difficoltà, anche temporanea, dovuta all’emergenza sanitaria da Covid-19, adottate dal Dipartimento Politiche sociali della Regione Calabria, nell’ambito del Piano di Azione e Coesione 2014-2020. Si tratta delle misure di solidarietà adottate dalla Regione per favorire l’accesso a beni essenziali (quali ad es. alimenti e farmaci), in relazione all’emergenza COVID-19, in favore dei nuclei familiari più esposti (per difficoltà croniche, congiunturali o in crisi di liquidità temporanea) per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali, con priorità ai soggetti che non siano già assegnatari di sostegno pubblico.

Le misure sono attuate attraverso il riconoscimento di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di beni di prima necessità, o l’acquisto e distribuzione di beni alimentari o prodotti di prima necessità da parte dei Comuni, potenziando, in tal modo, le misure statali già varate in precedenza, al fine di garantire il diritto al sostentamento alimentare alla più ampia platea possibile di famiglie e individui in difficoltà ed evitare anche l’insorgere di situazioni di criticità. La Misura di Solidarietà Calabria prevede uno stanziamento di risorse complessive per i Comuni pari a € 10.000.000,00 in buoni spesa da utilizzare per l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali elencati sul sito istituzionale di ogni Comune. Al Comune di Cosenza è stato assegnato dalla Regione un contributo straordinario pari ad € 310.193.36 finalizzato a sostenere i cittadini che, a causa dell’Emergenza coronavirus, si trovano in difficoltà economica e non riescono a provvedere alla spesa alimentare per sé e/o per il proprio nucleo familiare.

Nell’avviso pubblicato dal Comune che dà luogo all’accesso a buoni spesa per l’acquisto di “generi alimentari e di prima necessità” (beni alimentari, prodotti per l’igiene personale e per l’igiene della casa, prodotti farmaceutici, farmaci e parafarmaci), si precisa che destinatari della misura devono essere persone e nuclei familiari residenti nel Comune di Cosenza che si trovino in “stato di bisogno”. Sarà il settore welfare di via degli Stadi ad individuare i nuclei familiari in stato di bisogno, dando priorità agli individui e ai nuclei in difficoltà, anche temporanea, che non abbiano percepito nessuna misura di sostegno legata all’emergenza sanitaria.

I buoni spesa saranno trasmessi telematicamente ai cittadini e saranno spendibili negli esercizi commerciali e farmacie/parafarmacie che hanno aderito alla procedura di evidenza pubblica del Comune, ed incluse in un apposito elenco pubblicato sul sito dello stesso Comune.

L’importo del buono spesa è così determinato:

Nuclei unipersonali Euro 100,00

Nuclei composti da due persone Euro 200,00

Nuclei composti da tre persone Euro 300,00

Nuclei composti da quattro persone Euro 400,00

Nuclei composti da cinque persone o più Euro 500,00

L’importo è aumentato di €. 50,00 in caso di presenza di un minore 0-3 anni.

In caso di presenza di disabile nel nucleo familiare, a prescindere dal numero dei componenti, l’importo complessivo e di €. 500,00.

Ai fini della presentazione delle istanze, della individuazione dei destinatari e dell’assegnazione dei buoni spesa, sono stabiliti i seguenti criteri e modalità:

destinatari dei buoni spesa sono le persone e i nuclei residenti nel Comune di Cosenza (nonché persone e nuclei domiciliati nel Comune di Cosenza, in conseguenza dei provvedimenti che hanno imposto limitazioni agli spostamenti sul territorio nazionale) che versino “in stato di bisogno”, individuati sulla base delle istanze pervenute ed in funzione dei criteri generali definiti dal decreto dirigenziale della Regione Calabria n.6049 del 3 giugno 2020, dando priorità agli individui e nuclei in difficoltà, anche temporanea, che non abbiano percepito nessuna misura di sostegno legata all’emergenza sanitaria.

Lo “stato di bisogno” è altresì comprovato dalla presenza di cosiddetti eventi causali di effetti economici negativi, anche temporanei, causati dell’emergenza da COVID-19, che il richiedente deve dichiarare nell’istanza, sotto la propria responsabilità, individuati nelle seguenti circostanze:

la perdita o la riduzione del lavoro, senza attivazione di ammortizzatori sociali ovvero con ammortizzatori insufficienti in relazione al fabbisogno familiare;

la sospensione temporanea dell’attività con partita IVA rientrante nei codici ATECO delle attività professionali, commerciali, produttive artigianali non consentite dal DPCM 22 marzo 2020 e successive integrazioni;

l’impossibilità di percepire reddito derivante da prestazioni occasionali/stagionali o intermittenti a causa dell’obbligo di permanenza domiciliare con sorveglianza sanitaria o per effetto della contrazione delle chiamate;

altre cause analoghe, di pari gravità, che il richiedente deve descrivere e dichiarare sotto la propria responsabilità nell’istanza.

Le istanze vanno indirizzate al Settore welfare del Comune ed inoltrate a mezzo mail alla casella di posta elettronica dedicata: [email protected] . Il termine di scadenza è fissato alla mezzanotte di lunedì 3 agosto.

È causa ostativa alla concessione del beneficio che l’istante o altri componenti il nucleo abbiano già presentato medesima domanda in altri Comuni del territorio regionale. È motivo di ammissione prioritaria alla concessione del beneficio, non avere percepito, alla data di presentazione dell’istanza, a nome proprio o di altro componente del nucleo familiare, redditi, contributi o sussidi, comunque denominati, nel periodo di cosiddetto lockdown (dal 9 marzo al 3 maggio 2020). Rientrano nell’ammissione prioritaria i richiedenti il cui nucleo familiare abbia percepito contributi, sussidi o redditi entro un importo che va da zero a 780,00 euro complessivi nel periodo considerato.

L’ammissione secondaria scatta, invece, per quelle persone e quei nuclei familiari che, nel mese precedente a quello di presentazione dell’istanza, a nome proprio o di altro componente del nucleo familiare, abbiano percepito redditi, contributi e/o sussidi, comunque denominati, nei limiti di 780,00 euro mensili. Tali richiedenti possono essere ammessi con priorità secondaria, compatibilmente con la disponibilità delle risorse assegnate al Comune.

Alla cosìddetta ammissione residuale potranno avere, invece, accesso altri richiedenti, a patto che il Comune abbia soddisfatto le richieste previste come ammissione prioritaria e secondaria, sempre in presenza di economie maturate nelle risorse assegnate. In questo caso, il Comune potrà assegnare i buoni spesa a tutti gli altri richiedenti, stilando elenchi ordinati in base all’ISEE, dando priorità a redditi più bassi e nuclei familiari più numerosi. Il Comune di Cosenza si riserva di effettuare verifiche a campione circa la rispondenza di quanto dichiarato dai richiedenti. Nel caso in cui dai controlli emerga una non corrispondenza tra quanto dichiarato ovvero la non sussistenza delle condizioni in base alle quali è stato concesso il buono spesa, il contributo sarà revocato d’ufficio. La revoca del contributo verrà disposta, altresì, qualora, dalla verifica effettuata, l’utilizzo del buono avverrà in modo difforme da quello per cui si è richiesto il contributo.

Ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 le dichiarazioni mendaci, la falsità negli atti e l’uso di atti falsi previsti dalla legge sono puniti ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia e determinano la pronuncia di decadenza dai benefici eventualmente conseguenti il provvedimento emanato su tali basi.

Per informazioni e supporto telefonico nella compilazione della domanda è possibile rivolgersi al Comune di Cosenza – Settore Welfare, contattando i seguenti numeri telefonici: 0984 813741 – 0984 813740 attivi dal 30 luglio 2020 dalle ore 9:00 alle ore 13:00. L’avviso integrale è consultabile nella home page del sito del Comune (www.comune.cosenza.it) alla sezione “Concorsi in scadenza”, da cui è possibile scaricare anche il fac simile di domanda.