Prendocasa: “ad un mese dall’emergenza, Cosenza nel caos totale. Ancora niente buoni spesa”

“Le iniziative del comune di Cosenza sono inadeguate, si proceda alla variazione del bilancio e alla distribuzione dei buoni spesa a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta”

 

COSENZA – “A Cosenza cresce costantemente la crisi economica e sociale dovuta all’emergenza coronavirus. Migliaia di cittadini hanno difficoltà a mettere insieme il pranzo e la cena e a pagare affitto e bollette. Il disagio cresce e si allarga anche a nuove fasce di popolazione, come i piccoli commercianti, costretti a chiudere le loro attività ma a pagare ugualmente le spese e senza un sostegno adeguato da parte dello Stato.” Questo l’allarme lanciato dal Comitato Prendocasa Cosenza.

“Difronte a ciò,- continua – l’amministrazione comunale si è fatta trovare assolutamente impreparata. Gli interventi adottati a distanza di un mese dall’inizio dell’emergenza, in estremo ritardo, sono insufficienti. Vanno messe in campo risorse economiche molto più importanti, anche coordinandosi con l’amministrazione regionale. A Palazzo dei Bruzi regnano la disorganizzazione e la confusione più totali. A confermare la pessima gestione di questa delicata fase c’è il blocco della variazione di bilancio dell’ente. Questa pratica permetterebbe l’utilizzo di una cospicua somma di denaro, da destinare in particolare al settore welfare, per l’emergenza abitativa e altre misure.

Per approvare la variazione di bilancio è necessario il parere dei revisori dei conti. Questi ultimi vanno nominati dal consiglio comunale che, al contrario di ciò che avviene ovunque in Italia, non si riunisce da settimane. Una situazione che ha dell’incredibile e ci conferma il calibro di chi siede tra i banchi della maggioranza e dell’opposizione. La domanda è semplice: per quale motivo i consiglieri non chiedono una convocazione urgente del consiglio comunale? Il sindaco Occhiuto, tra dirette Facebook, messaggi di auguri e foto con pastiere e spese alimentari, perché non interviene sulla questione? Non si può essere dalla parte dei cittadini ad intermittenza o solo quando c’è la possibilità di guadagnare consensi.

Basta con annunci e scarica barile, è tempo di azioni immediate e concrete, che migliorino la vita dei cosentini, stretti nella morsa della crisi. Si proceda alla variazione di bilancio. L’assessora comunale al welfare, Alessandra De Rosa, garantisca la distribuzione dei buoni spesa a tutti coloro che ne hanno fatto richiesta e promuova, chiamando in causa anche la Regione Calabria, la sospensione del pagamento delle utenze e degli affitti. I cosentini e le cosentine, non possono più aspettare.”