Coronavirus: Vigili del fuoco di Cosenza in lutto, si è spento Bonaventura Ferri

Il corpo dei vigili del fuoco di Cosenza perde un collega, un amico e un valido professionista. Addio ad Angelo Bonaventura Ferri

 

COSENZA – Si è spento nella notte Angelo Bonaventura Ferri, 51 anni, caporeparto dei vigili del fuoco di Cosenza, ricoverato all’ospedale Mater Domini di Catanzaro. Le condizioni di Bonaventura, sindacalista della Uil Pa, si sono aggravate nelle ultime ore e purtroppo i medici non sono riusciti a salvarlo. Il coronavirus ha strappato alla vita anche lui. Bonaventura, per tutti Angelo, lascia la moglie Marialina e un grande vuoto tra i colleghi e i tanti giornalisti che negli anni avevano avuto modo di lavorare e interagire con lui. Vigile del fuoco dal 1996, sindacalista, curava anche i rapporti con la stampa ed era stato ricoverato all’Annunziata di Cosenza lo scorso 16 marzo, dove era stata accertata la sua positività al Covid 19.

Poi il trasferimento nel nosocomio catanzarese, dove le sue condizioni sono precipitate nella notte. La redazione di QuiCosenza e di Rlb in molteplici occasioni ha avuto modo di interagire con Ferri, per le sue numerose battaglie sindacali a difesa dei diritti dei vigili del fuoco. Tra le ultime, l’apertura del distaccamento di San Giovanni in Fiore, la realizzazione di una nuova caserma per i colleghi di Rende e la loro sistemazione. Una notizia che ha lasciato una grande amarezza e per questo, la redazione tutta, si stringe al dolore della famiglia e dei colleghi.

 

Il cordoglio del Sindaco Occhiuto per la scomparsa del vigile del fuoco cosentino

Profondo cordoglio è stato espresso dal Sindaco Mario Occhiuto per la scomparsa, avvenuta all’Ospedale Mater Domini di Catanzaro, del vigile del fuoco cosentino Bonaventura Ferri,  ricoverato da diverse settimane a causa del coronavirus.

“Una notizia – ha commentato Occhiuto nel messaggio di cordoglio indirizzato ai familiari – che non avremmo mai voluto apprendere e che ci rattrista enormemente. Giungano alla moglie e alla famiglia, profondamente colpite negli affetti più cari, i sentimenti della mia più affettuosa vicinanza, insieme a quelli dell’intera comunità cosentina. Parimenti, rivolgo un pensiero di eguale vicinanza a tutti i suoi colleghi e all’intero corpo dei vigili del fuoco, a cominciare dal Comandante provinciale. In questo triste momento mi preme ricordare le qualità umane e professionali del nostro concittadino, da sempre impegnato in prima linea nell’assolvimento del suo dovere cui si dedicava con grande impegno ed onorando la divisa in ogni istante della sua meritoria attività”.

La vicinanza dell’Arcivescovo di Cosenza-Bisignano ai familiari di Angelo Bonaventura Ferri e all’intero Comando provinciale dei Vigili del Fuoco

L’Arcivescovo di Cosenza di Cosenza-Bisignano, monsignor Francesco Nolè ha voluto esprimere la sua vicinanza e la sua preghiera alla famiglia del capo reparto dei Vigili del Fuoco Angelo Bonaventura Ferri, morto a solo 51 anni, dopo due settimane di ricovero all’ospedale Mater Domini di Catanzaro, a causa del Coronavirus. Accanto alla vicinanza alla famiglia l’Arcivescovo ha voluto esprimere anche al comando provinciale dei Vigili del Fuoco di Cosenza, colpito da questa triste vicenza la vicinanza della Chiesa, il suo ringraziamento per l’impegno e il grande spirito di dedizione a servizio di tutti i cittadini.

“Ci sono categorie sociali, come i Vigili del Fuoco, sempre pronte a dare il meglio di sé in ogni tipo di emergenza sociale, non ultima quella di tipo sanitario che ha toccato duramente il nostro paese. Sempre in prima, i Vigili del Fuoco, esprimo l’anima vera del popolo italiano e la grande capacità di solidarietà e di attenzione a chi è nel bisogno.”