SEATT, arrivato il licenziamento per i 48 dipendenti: annunciata la mobilitazione

Il Tar rigetta il ricorso per i lavoratori del CUP ai quali è scaduto il contratto tra la cooperativa e l’A.O. di Cosenza. Nel pomeriggio la comunicazione del licenziamento ai dipendenti della cooperativa che hanno annunciato l’immediata e permanente mobilitazione

 

COSENZA – Come preannunciato, dopo l’esito negativo del ricorso al Tar, i 48 dipendenti della SEATT sono stati tutti licenziati con una comunicazione inviata ai lavorati nel pomeriggio dalla cooperativaa seguito della comunicazione pervenuta in data odierna dall’Azienda Ospedaliera si comunica che da domani 17/01/2020 ella non dovrà più prendere servizio per intervenuta risoluzione del rapporto di lavoro“.

Questa mattina era arrivata la nota da parte dell’USB Confederazione Cosenza e USB Lavoro Privato Cosenza sull’esito del ricorso al Tar “Sapevamo che la questione relativa ai lavoratori e lavoratrici del CUP dell’Annunziata era tutt’altro che risolta. Ciò che avevamo denunciato si è purtroppo avverato. Dopo diversi rinvii è arrivata da pochi minuti la sentenza del TAR che rigetta il ricorso presentato dalla cooperativa SEATT. Da oggi ben 48 famiglie si troveranno senza lavoro. Le responsabilità – si legge – sono delle istituzioni locali e del commissario Cotticelli incapaci di affrontare politicamente la questione al fine di individuare una soluzione definitiva a tutela esclusiva dei dipendenti. Ci si è nascosti e affidati totalmente alla via giudiziaria e questo è il risultato. Non possiamo accettare tutto ciò e per questo annunciamo l’immediata e permanente mobilitazione.”  La Cooperativa ha già annunciato il licenziamento dei 54 lavoratori e l’interruzione del rapporto di lavoro e tra l’altro gli stessi dipendenti non potranno essere assorbiti alle dipendenze del nuovo soggetto imprenditoriale che subentrerà nell’appalto.