Cosenza ama la pizza e ‘1netto’ la sa fare. Gli ingredienti? Passione, qualità e bontà

Prodotti semplici, genuini e realizzati secondo le migliori tecniche dell’arte bianca (impasti di farina e panificazioni speciali)

 

COSENZA – Per gli amanti della pizza e i veri intenditori dell’alta qualità, esiste a Cosenza in via Calabria 8 (piazza XI Settembre), una pizzeria al taglio che lascia davvero a bocca aperta. Eccellenza nella città bruzia per la materia prima che utilizza e per la lavorazione degli impasti; impossibile non restare soddisfatti. Si tratta della pizzeria 1netto, nata a Cosenza poco prima dell’estate 2018, quando tre imprenditori locali, appassionati di “pizza al taglio”, decidono di trasferire nella città cosentina tutto il gusto e sapore della miglior pizza “alla romana”. Decidono così di offrire prodotti antichi (a Roma, la pizza al taglio risale ai primi anni ’50) ma da un gusto nuovo per Cosenza, semplici, genuini e realizzati secondo le migliori tecniche dell’arte bianca (impasti di farina e panificazioni speciali). Così da 1netto non si gusta solo la pizza ma anche il pane; realizzati con vari tipi d’impasti, prevalentemente a lunga maturazione (si arriva anche a 72 ore) e altissima idratazione, assolutamente senza l’utilizzo di miglioranti. La lunga maturazione degli impasti restituisce, come risultato, pizze e focacce molto leggere e con importanti alveolature che vengono abbondantemente farcite in modo da offrire dalla margherita alla pizza con le patate (Silane doc e “frantumate” a mano), a delle vere e proprie pizze gourmet.

 

 

Quelle maggiormente richieste, infatti, sono la pizza alla carbonara (rigorosamente con ingredienti genuini e biologici, come il pecorino romano o il guanciale di suino nero di Calabria, giusto per citarne solo due); o la pizza alla  zucca (fatta in casa) con scamorza affumicata e pancetta. Ovviamente le farciture delle pizze seguono la corretta stagionalità dei prodotti. Domani sarà la volta della scarola. Il tutto senza appesantire, grazie all’alta digeribilità, la friabilità e gli ingredienti di altissima qualità che vengono utilizzati.

Come viene preparata la pizza

Protagonista assoluto da 1netto è l’impasto di base per la pizza (esclusivamente farina integrale di tipo 1 in purezza – Molino Bruno – e mai farina 00) altamente idratato (fino all’85%, che vuol dire 850 gr di acqua per 1kg di farina) e fatto maturare grazie all’utilizzo della pasta madre. Un lievito tutto naturale che consente di realizzare anche dell’ottimo pane e grandi lievitati della tradizione, soffici e lungamente conservabili. Si utilizza anche la biga ,che negli impasti ha funzione “trainante”per il composto e inoltre, avendo un lungo termine di maturazione, ne migliora l’aromaticità, la conservabilità, la colorazione e soprattutto il sapore, riducendo considerevolmente l’uso di lieviti (di birra o naturali).

Prodotti di altissimo livello e prevalentemente a Km0

1netto seleziona per condire e per guarnire  solo prodotti di alta qualità e prevalentemente a Km0, lavorando solo il “fresco”, non volendo utilizzare prodotti congelati o preparati vari. Da qui anche l’ultima collaborazione con la fattoria di Animagricola che fornisce le migliori verdure freschissime e completamente biologiche. Anche per il condimento principe delle pizze, la mozzarella, 1netto si utilizza solo fiordilatte o bufala freschissima, mai prodotti a pasta filata, così garantendo ai consumatori genuinità e sapore inconfondibili.

 

Oltre alla pizza a 1netto si produce anche il pane

1netto non è solo pizza! Porta avanti anche una piccola linea di panificazione, rigorosamente anche questa con l’utilizzo di pasta madre e pasta acida (che non solo è un agente lievitante di tipo spontaneo-naturale, ma anche un vero e proprio ingrediente che dona al pane un retrogusto acidulo portandone al massimo la conservabilità, inibendo – in maniera naturale – lo sviluppo di muffe esterne, oltre a migliorare la digeribilità del pane). Rinomati tra i clienti è ormai il pane bianco (a volte con aggiunta nell’impasto di olive schiacciate locali e pomodori secchi), o quello multicereali, dal gusto unico, con un mix bilanciato di frumento, mais, segale, semi di lino e di girasole, adatto a tutti gli abbinamenti o anche il pane alla curcuma.

Immancabile la linea di rosticceria

Anche la linea di rosticceria, con rivisitazione delle migliori ricette italiane (i panini napoletani, la focaccia pugliese, lo sfincione palermitano) proposte, giorno dopo giorno, seconda la disponibilità e la freschezza delle materie prime, assecondando i tempi di maturazione degli impasti, uno diverso dall’altro, così da tentare i consumatori e fargli trovare ogni volta qualcosa di nuovo da assaggiare. Provare per credere! E per un “assaggio visivo” di tutte le prelibatezze presenti nella pizzeria 1netto, è possibile visitare la pagina Facebook di 1netto

Personale altamente qualificato

I titolari mostrano particolare riconoscenza alla consulenza del Maestro Michele Intrieri, detto anche “Mister pizza”, esponente locale dell’arte bianca ormai rinomato in tutto il mondo, per l’esperienza che ha saputo trasporre in questa realtà cosentina sia in termini di realizzazione di tutti gli impasti lavorati che in termini di scelta dell’attrezzatura di laboratorio (importantissima per ottenere determinati risultati) e di formazione del personale, sempre in continua formazione professionale, sia grazie al Maestro Intrieri che tramite la partecipazione a corsi specialistici.

Per contrastare lo spreco alimentare 1netto utilizza la formula To Good To Go

1netto è iscritta ad un’App che consente di avere una Magic Box contenente una parte dell’invenduto del giorno ad terzo del prezzo di vendita. Tra l’altro è, ahinoi, l’unica realtà commerciale cosentina ad aver intrapreso questa strada. L’App in questione è To Good To Go, è veloce ed intuitiva ed è veramente facile ordinare la Magic box. Basta avviare l’applicazione ed in solo tre passi la Magic box è ordinata e resta soltanto passare a ritirarla all’orario indicato. Ovviamente in orario prossimo alla chiusura. Tutto il rimanente invenduto viene donato per i bisognosi tramite la Casa San Francesco di Cosenza che ha rilasciato un “attestato” di solidarietà.