ASCOLTA RLB LIVE
Search

Regionali, Gasparri: “centrodestra unito sicuramente, nome lo sceglie la coalizione”

La tavola rotonda dal titolo “Politica e comunicazione nell’era 4.0” si è tenuta nella sala degli Specchi della Provincia. In platea Jole Santelli, Fulvia Caligiuri e Roberto Occhiuto. Grande assente il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto

 

COSENZA – “Il centrodestra unito è un punto saldissimo, poi sono lecite le discussioni nella coalizione e sui candidati. Forza Italia ha tante persone che possono correre a ruoli di questo tipo, noi partiamo da una proposta adatta poi ci saranno le riunioni”. È quanto dichiarato ai giornalisti dal senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri intervenuto a Cosenza ad un incontro politico organizzato dai giovani militanti del partito.

La tavola rotonda dal titolo “Politica e comunicazione nell’era 4.0” si è tenuta nella sala degli Specchi della Provincia. In platea, tra gli altri, Jole Santelli, Fulvia Caligiuri e Roberto Occhiuto. Grande assente il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto.

 

 

“Noi vogliamo il centrodestra unito certamente, anche perché – ha poi aggiunto Gasparri – si giocano partite che guardano ad una prospettiva di elezioni nazionali. Abbiamo una proposta chiara che è Mario Occhiuto, alla luce dei risultati che questa città ha raggiunto sotto la sua amministrazione. Chi fa critiche guardi i fatti e i risultati. Noi con spirito costruttivo riproponiamo questo nome perché siamo dei garantisti e un rinvio non è un giudizio. Di certo il presidente Berlusconi affronterà con la coalizione la questione  una volta per tutte. La Calabria come regione ha impegni gravosi dinnanzi a se, esce da una ennesima legislatura persa, tant’è che la sinistra non vuole confermare il presidente uscente e questo è sintomatico”.

Gasparri, infine, ai cronisti che lo sollecitavano sul possibile cambio di nome del candidato alla presidenza della Regione Calabria e sull’assenza in sala di Mario Occhiuto, ha assicurato di averlo incontrato in Comune e “di aver chiacchierato a lungo con lui, la decisione però spetta alla coalizione”.