ASCOLTA RLB LIVE
Search

Sanità, il “Decreto Calabria” è un flagello: «anche chi lo ha approvato vuole modificarlo»

«Il decreto Calabria si sta trasformando in un flagello, che si è abbattuto su un sistema sanitario calabrese già fragile e sta facendo sempre più danni». Lo afferma Carlo Guccione, consigliere regionale del Pd

 

COSENZA – «Assistiamo con una certa meraviglia che, anche chi ha concorso all’approvazione parlamentare di questa legge, ora chiede urgentemente delle modifiche. Però, quello che ci meraviglia ancora di più, è che il nuovo Governo nazionale non si è ancora posto il problema di come evitare che questa legge sulla sanità calabrese produca ancora danni e si configuri come una sorte di “colonialismo sanitario” per la nostra regione, che rischia ora di essere “gestita” da manager che in passato hanno svolto funzioni importanti in Regioni gestite dalla Lega».

Una norma per abolire i commissariamenti

Secondo Guccione «è chiaro a tutti, anche a chi ha approvato tale decreto, che bisogna apportare modifiche sostanziali per poter garantire i Livelli essenziali di assistenza. Questo va fatto attraverso nuove assunzioni, per riaprire reparti ospedalieri chiusi per mancanza di personale e per attivare i posti letto per acuti previsti dai decreti del commissario (ad esempio nella sola provincia di Cosenza mancano in totale 350 posti letto), e la nomina di manager di livello per le Aziende sanitarie e ospedaliere della Calabria. È accaduto, invece, tutto l’opposto di quello che doveva avvenire dopo l’entrata in vigore del Decreto Calabria. Ci saremmo aspettati, così come annunciato dal ministro della Salute Roberto Speranza, che venisse approvata una norma per porre fine all’istituto dei commissariamenti».

Chirurgia, la mano del Veneto: campagna elettorale per la Lega a spese dei calabresi?

«Per intraprendere un percorso che vada nella direzione di risanare i conti – spiega Guccione – e adeguare i Lea agli standard nazionali, ancora lontani da quota 160, si poteva pensare di affiancare la Calabria a una regione virtuosa, come ad esempio la Toscana o l’Emilia-Romagna. Invece oggi, con questo documento di “Riorganizzazione dell’attività chirurgica per setting assistenziali e complessità di cura – Regione Calabria”, siamo di fronte a una convenzione che, sostanzialmente, va nella direzione di favorire scelte che andranno ad aumentare l’emigrazione sanitaria e a favorire lobby per drenare risorse calabresi verso il Nord. Per dirla più chiaramente – conclude Guccione – non vorremmo che questa fosse una occasione per dare la possibilità al presidente della Regione Veneto Luca Zaia, di fare campagna elettorale per la Lega a spese dei calabresi”.