ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cosenza, Pino Aprile presenta logo e statuto

Il Movimento 24 Agosto guidato dal giornalista e scrittore Pino Aprile, nasce per abbattere le disparità territoriali. “Non abbaiamo soldi, strutture o sponsor, solo volontà”

 

COSENZA – “Equità territoriale”. È lo slogan scelto dal Movimento 24 Agosto guidato dal giornalista e scrittore Pino Aprile, presentato oggi a Cosenza.  Il M24A nasce per abbattere le disparità territoriali che negli anni hanno favorito grandi investimenti pubblici nel CentroNord, condannando il Mezzogiorno a essere la più vasta area europea senza treni, autostrade, infrastrutture, con la più alta emigrazione e disoccupazione giovanile (tra le più elevate d’Europa) e, da alcuni anni, persino in calo demografico.

«La politica attuale – ha dichiarato Pino Aprile – non coglie la grave situazione nella quale versa il Paese. In un momento storico in cui i giovani lasciano l’Italia per andare altrove, sottraendo futuro a questa terra, i parlamentari in blocco come soluzione pensano al varo dell’alta velocità. Questi sistemi, con queste rappresentanze il Sud continua a restare colonia. L’obiettivo di questo movimento è riportare equità territoriale. Chiediamo e pretendiamo che questa parte del paese, il 40% del territorio e il 34% della popolazione, abbia gli stessi diritti degli altri italiani. Chi offende e insulta i meridionali e sta al governo o in politica deve andare a casa, assieme agli schiavetti terroni che lo votano perché se voti un candidato come Salvini che ti definisce “coleroso che puzzi più dei cani” hai qualche problema serio e ti devi far vedere da uno bravo».

M24A mira all’equità, il cui fine è ottenere che a tutti i cittadini siano garantite le stesse opportunità per sviluppare le proprie doti. Cittadini alla pari, perché questo dice la Costituzione e questa è la condizione irrinunciabile per accettare di vivere nello stesso Paese.

«La collocazione di questo  movimento – ha poi spiegato il giornalista Pino Aprile – non è ne a destra ne a sinistra, ma a Sud. Pretendiamo solo il rispetto della Costituzione e l’equità, cioè mettere tutti nella stessa condizione, esattamente il contrario della Lega, che è un fenomeno razzista territoriale che chiede sempre di più per la propria parte. Noi volgiamo fare tutte le azioni politiche necessarie per far capire agli italiani onesti che una colonia interna non vuole più essere tale, se questo paese non vorrà che il Sud smetta di essere colonia, allora il Sud ha solo la possibilità di andarsene per i fatti suoi. La Calabria se la batte con la Basilicata ogni anno come regione più povera d’Italia, quindi volevamo dare il senso di ripartenza da dove il problema è maggiore e poi perché il gruppo dei calabresi è il più attivo. Non abbaiamo soldi, strutture o sponsor, solo volontà».

Tanti i cittadini che hanno partecipato all’incontro all’interno del cinema teatro A. Tieri. In platea anche Carlo Tansi candidato alle prossime elezioni regionali e l’ex senatore dei Cinquestelle Francesco Molinari.