Cosenza: rubano gasolio e tornano in libertà, patteggiata la pena

I due erano stati sorpresi dai carabinieri all’interno del parcheggio della rimessa degli autobus della ditta “IAS Scura” e “Ferrovie della Calabria”

 

COSENZA – Rubano gasolio e tornano in libertà in meno di tre giorni: patteggiata la pena. I due imputati hanno patteggiato la pena davanti al giudice del Tribunale di Cosenza. A difenderli gli avvocati Ugo Ledonne e Aurelio Sicilia. I due erano accusati di furto aggravato in concorso. La difesa di uno dei due giovani, incensurato, rappresentata dall’avvocato da Ledonne ha chiesto ed ottenuto dal giudice che la condanna penale fosse sostituita da una pena pecuniaria. L’altro imputato con precedenti penali è stato condannato a 4 mesi di reclusione. I due sono tornati liberi già dalle prime ore della giornata.

I FATTI

Secondo gli inquirenti tra il 15 e il 16 settembre scorso, nella notte, i due sono stati sorpresi dai carabinieri all’interno del parcheggio della rimessa degli autobus della ditta “IAS Scura” e “Ferrovie della Calabria”, sita in un’area adiacente allo scalo ferroviario di Cosenza – Vaglio Lise, mentre asportavano 120 litri di gasolio dai serbatoi degli autobus delle summenzionate società. I controlli dei Carabinieri, che hanno permesso di scoprire i due uomini, sono scattati dopo alcuni furti di carburante che si erano registrati nei giorni scorsi proprio in quell’autorimessa. La refurtiva è stata restituita all’azienda.