ASCOLTA RLB LIVE
Search

Rifiuti del Cosentino, ecco i Comuni che ospiteranno discariche ed ecodistretto

Il presidente dell’ATO Marcello Manna: “Recuperiamo 25 anni di inerzia”

 

COSENZA – Una giornata storica per il settore dei rifiuti cosentino. Così il sindaco di Rende, presidente dell’Ato rifiuti Cosenza, ha definito l’incontro di oggi pomeriggio con i primi cittadini della provincia per fronteggiare l’emergenza. Un’assemblea nel corso della quale i 56 Comuni presenti hanno votato all’unanimitĂ  le proposte per dare un nuovo corso alla gestione dei rifiuti nel Cosentino. L’ecodistretto destinato ad accogliere e trattare la spazzatura dei 150 Comuni della provincia ed una bioraffineria per trasformare la frazione organica in biogas verrĂ  realizzato a Morano Calabro. Grande soddisfazione del sindaco Nicolò De Bartolo che vedrĂ  la nascita nel proprio territorio del sito in cui la differenziata sarĂ  stoccata grazie ad un finanziamento da 42 milioni di euro.

 

 

Il primo cittadino di Morano Calabro, durante la riunione odierna, è stato inoltre eletto vicepresidente dell’Ato Cosenza. Per quanto riguarda il conferimento della frazione residua saranno realizzate, dopo l’elaborazione e l’analisi dello studio di fattibilitĂ , due discariche: una a Carpanzano e un’altra a San Pietro in Amantea. Nel frattempo per evitare che il pattume resti tra le strade dei Comuni cosentini i rifiuti verranno abbancati negli impianti di Cassano allo Jonio, Rossano e Rende (negli stabilimenti di Calabra Maceri). «Si progetta il futuro, un cambio di passo notevole. In soli 12 mesi – ha affermato con orgoglio il presidente dell’Ato Cosenza Marcello Manna – abbiamo fatto quello che Regione Calabria e commissari non sono riusciti a realizzare in 25 anni».

Discariche da riaprire per evitare che la Calabria affondi nei rifiuti

Servono nuove discariche, la provincia di Cosenza rischia di restare con i rifiuti in strada