ASCOLTA RLB LIVE
Search

Precari dell’Annunziata, Castagna (Uil): “ennesimo atto di arroganza della politica”

“Questo Governo dovrà risolvere il precariato in generale e quello della sanità in particolare”. E’ il commento del Segretario generale della UIL cosentina che definisce il precariato il vero male del secolo.

 

COSENZA – “All’Ospedale dell’Annunziata quello che si sta consumando è l’ennesimo atto di arroganza e di insipienza politica e commissariale. Ottanta lavoratori, con esperienza e professionalità venticinquennale, rischiano di perdere il posto di lavoro per l’incuria della politica e i ritardi della gestione commissariale”. Il segretario della Uil di Cosenza, Roberto Castagna, interviene in merito alla vicenda dei precari dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza: “dopo anni di lavoro per diverse aziende appaltatrici finalmente si era arrivati a capire che appaltare costava molto di più che internalizzare il servizio e, quindi, si apriva una fase di recupero e di internalizzazione del servizio. Soluzione indicata dalla stessa Ministra Grillo. Tutto sembrava sorridere ad una soluzione positiva ma, da una parte la crisi di Governo e dall’altra la mancata proroga dell’appalto in corso faceva capovolgere la situazione”.

Roberto Castagna Uil Cosenza

“Spetta a questo Governo, quindi, agire subito a difesa del lavoro, della dignità e della professionalità di questi lavoratori che rappresentano, insieme a tanti altri precari della sanità, il presidio della funzionalità delle strutture ospedaliere. La UIL cosentina, unitamente a CGIL e CISL, è al fianco dei lavoratori in lotta nel rivendicare il giusto riconoscimento che si deve alle lavoratrici e ai lavoratori. Al Ministro Speranza, nei prossimi giorni, chiederemo di dare seguito all’impegno già manifestato dalla Ministra Grillo. Sarà questo – conclude Roberto Castagna – uno dei primi segnali che ci farà capire la vera volontà del nuovo Governo sul piano del superamento del precariato e dell’ampliamento occupazionale nel settore più devastato della sanità cosentina e calabrese”.