Guccione torna sulla ‘vacatio’ all’Asp di Cosenza: “è a rischio la salute dei cittadini”

Dopo l’allarme lanciato ieri, il consigliere regionale torna sulla critica situazione nell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza

 

COSENZA – “Forse qualcuno non si è reso conto che l’assenza di un responsabile alla direzione generale dell’Asp di Cosenza, abilitato a prendere decisioni e a firmare atti, rischia di causare problemi irreparabili alla salute dei cittadini”. Carlo Guccione insiste: “questa interruzione di pubblico servizio, infatti, blocca provvedimenti urgenti e indifferibili quali: l’acquisizione dei farmaci salvavita, oncologici, urgenti e indifferibili; i mandati di pagamento a favore dei pazienti per cure mediche urgenti fuori regione; l’emissione dei mandati di pagamento a favore dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta”.

Dopo l’allarme lanciato ieri (LEGGI QUI) Guccione sottolinea: “Non c’è tempo da perdere, non è il momento di scaricare le responsabilità ma di assumere, nelle prossime ore, provvedimenti urgenti a tutela della salute dei pazienti e di tutti cittadini. Le autorità preposte intervengano per porre fine a questa pericolosa e drammatica situazione di stallo e di non governo della più grande Azienda sanitaria provinciale della Calabria. Se dovesse perdurare questa condizione di paralisi totale, che impedisce di fatto la prosecuzione delle cure a pazienti con gravi patologie, sarà necessario anche un immediato intervento dell’autorità giudiziaria, per impedire che la situazione possa produrre seri pericoli e mettere a rischio la vita dei cittadini”.

 

Sanità, da 9 mesi l’ASP di Cosenza è una nave alla deriva