ASCOLTA RLB LIVE
Search

A Bisignano le eccellenze dell’agroalimentare che fanno bene alla salute

Da oltre 30 anni, l’azienda agricola Le Conche garantisce alta qualità con uliveti e vigneti biologici

 

BISIGNANO (CS) – L’eccellenza dell’agroalimentare cosentino tra gli uliveti e i vigneti di Bisignano. La VI edizione del premio L’Oro dei Bruzi ha permesso di valorizzare il lavoro dell’imprenditoria del territorio che punta sulla qualità. Tra le realtà premiate l’azienda agricola Le Conche che produce due pregiati tipi di olio extravergine d’oliva biologico. Tra questi la varietà autoctona cosentina carolea, tra le prime classificate nel premio consegnato agli imprenditori calabresi il 25 luglio dalla Camera di Commercio di Cosenza. Un prodotto legato alle tradizioni del territori che, come spiega il titolare Vincenzo Sposato «è molto particolare in quanto alle nostre altitudini, in collina, a  500/600 metri sul livello del mare, restituisce oli di alta qualità soprattutto per quanto riguarda l’intenso aroma fruttato». Grande la soddisfazione dello staff de Le Conche in quanto, come noto, le basse temperature registrate durante l’estate del 2018 non hanno donato agli uliveti le condizioni climatiche ideali per esprimere le proprie potenzialità. Nonostante ciò, grazie alla dedizione e buona volontà dell’azienda agricola Le Conche, che dalla sua nascita ha sempre utilizzato esclusivamente metodi ecosostenibili e concimi di origine naturale, è stato comunque confezionato un olio unico ed inimitabile.

 

La bassa acidità dell’olio prodotto in agro di Bisignano, al confine con il Comune di Acri, infatti permette di consumare un condimento salubre, ottimo anche per l’alta percentuale di polifenoli contenuta. Agenti con una funzione antiossidante che aiuta a proteggere dai danni dei radicali liberi, riducendo l’invecchiamento cellulare e limitando il rischio di malattie cardiache, cancro e alzheimer. Nata negli anni Novanta, l’azienda a prevalente conduzione familiare, offre lavoro stagionale a decine di operai nei periodi di raccolto e conta 12 ettari di uliveti, 5 di vigneti e 25 ettari di bosco di querce e sughero dove vengono allevati all’aria aperta allo stato semi brado i tipici suini neri calabresi. Qui si producono ogni anno circa 10mila litri di olio extravergine di oliva di alta qualità. L’80% della produzione viene venduta fuori regione tra il Nord e il Centro Italia, contribuendo a far conoscere i prodotti tipici cosentini. Attraverso la presenza in prestigiosi eventi fieristici dedicati come il Cibus di Parma, il Sana Salone Internazionale del Biologico e del Naturale di Bologna e le vendite on line è stata creata una rete di clientela fidelizzata che ama consumare oli e vini cosentini.

 

A Bisignano Le Conche infatti ha nel 2018 realizzato la prima vendemmia di altre due varietà autoctone della provincia di Cosenza: il magliocco dolce e il mantonico. Tipologie di uva che hanno restituito vini rossi, rosati e bianchi apprezzatissimi sul mercato che hanno in soli 6 mesi riscosso un notevole successo nelle vendite nell’intera penisola. La professionalità e conoscenza dei procedimenti di estrazione degli oli vengono riconosciuti anche dalle altre aziende che si occupano di olivicoltura. Numerose le realtà, provenienti anche da fuori provincia e che hanno fatto dell’alta qualità il proprio core business, che si avvalgono del servizio di molitura che offre Le Conche attraverso il suo impianto. Un procedimento delicato condotto nel pieno rispetto delle proprietà organolettiche delle olive raccolte e spremute in frantoio, rigorosamente a freddo, in modo da salvaguardare i polifenoli che lavorando ‘a caldo’ si disperderebbero. Un modo di fare impresa moderno, ma volto a mantenere vive le tradizioni e le tipicità per diffondere e far crescere il settore dell’agroalimentare cosentino di qualità.