ASCOLTA RLB LIVE
Search

Dissesto, Occhiuto: “i conti sono migliorati e le spese ridotte. Siamo in linea con il piano”

Così il Sindaco di Cosenza al termine dell’udienza alla sezione regionale di controllo della Corte dei Conti “abbiamo fatto molto in questi anni migliorando i conti del comune. Aspettiamo fiduciosi l’esito anche se dovrebbe essere chiaro. Il dissesto non l’abbiamo causato noi ed è paradossale che oggi ci fa la lezione chi ha causato in passato questa situazione di deficit

.

CATANZARO  – “Abbiamo migliorato la cittĂ  e c’è un graduale miglioramento dei conti. Ho esposto le nostre ragioni contenute nelle controdeduzioni presentate sulla base della richiesta della Corte dei Conti”. Lo ha detto il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto a margine dell’udienza alla sezione regionale di controllo della Corte dei Conti convocata per esaminare il piano di riequilibrio finanziario del Comune.

“Sostanzialmente, il Comune di Cosenza  – commenta il Sindaco – è in dissesto dal 2011. Abbiamo un piano di riequilibrio, che era stato bocciato nel 2013 dalla Corte dei Conti e poi riapprovato  dalle Sezioni riunite, un piano che deve ripianare i debiti del passato, quindi stiamo parlando di quello che è avvenuto prima che nel 2011 si insediasse la Giunta Occhiuto. Rispetto a quel piano abbiamo fatto molti passi in avanti, abbiamo ridotto le spese, pari a 26 milioni, una cifra anche superiore a quella prevista nel piano di riequilibrio, abbiamo ridotto il personale con oltre 300 prepensionamenti migliorando lo stesso la qualitĂ  dei servizi, tanto è vero che la cittĂ  di Cosenza è la prima in tanti parametri. Abbiamo realizzato tantissime opere pubbliche che porteranno ricavi, poi abbiamo aumentato gli accertamenti delle entrate, con 350 milioni rispetto ai 320 delle previsioni del piano anche se resta il problema della riscossione, come tanti altri Comuni, e poi abbiamo aumentato il patrimonio del Comune, utilizzando i fondi strutturali e  non fondi di bilancio. In sostanza – continua Occhiuto – abbiamo fatto un piano di riequilibrio dicendo alla Corte dei Conti che avremmo ridotto le spese, e qui siamo in linea con le previsioni del piano, e aumentatole entrate, e questo ancora non è avvenuto per come da noi previsto”.

Abbiamo migliorato anche sul piano contabile e finanziario – insiste il sindaco – la situazione che abbiamo trovato nel 2011, quella di un dissesto certificata dalla Corte dei Conti, è notevolmente migliorata. Oggi la Corte dei Conti dovrĂ  dirci se il risanamento dei conti comunali da noi impostati è ancora possibile: non riteniamo di sì, perchĂ© abbiamo fatto molto in questi anni. Aspettiamo fiduciosi, altrimenti avverrĂ  quello che è avvenuto nel 2013, quando dopo la bocciatura abbiamo fatto ricorso alle Sezioni riunite della Corte dei Conti”.

“Non c’è nĂ© pessimismo nĂ© ottimismo, perchĂ© la situazione è chiara – insiste Occhiuto – i conti sono certificati, i bilanci sono stati approvati. Il dissesto non l’abbiamo causato noi, ed è paradossale che oggi ci fa la lezione chi ha causato in passato questa situazione di deficit, assumendo indiscriminatamente persone nel Comune, ricorrendo a pratiche clientelari di tutti i tipi e portando il Comune di Cosenza in una condizione disastrosa. Noi stiamo ripianando i debiti del passato”. Alla domanda se teme strumentalizzazioni politiche della vicenda, considerato anche che è stato indicato da Forza Italia come candidato governatore alle prossime elezioni regionali, Occhiuto ha risposto: “questo è un paese in cui le strumentalizzazioni politiche ci sono sempre. Ma basta vedere le carte. Ai cittadini dobbiamo far capire questo: tra dissesto e pre-dissesto non c’è differenza. Il nostro è un dissesto guidato, uno strumento istituito dal governo Monti che abbiamo utilizzato per evitare responsabilmente il dissesto responsabilmente”.