ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cosenza, atti vandalici al parco Piero Romeo: sorpresi dalle telecamere i teppisti chiedono scusa (Video)

Ignari di essere ripresi dalla videosorveglianza del Parco Piero Romeo, costruito per bambini disabili e normodotati, un gruppo di vandali visibilmente alticci, danneggiano le sagome dei personaggi Disney

 

COSENZA – Non ci sono parole, ancora una volta e senza un perchè teppisti hanno provato a ledere quanto di buono si provi a portare avanti per il benessere dei bambini e dell’intera collettività. Atti vandalici compiuti il 16 giugno scorso ad opera di ragazzi forse minori o appena maggiorenni che, senza alcuna motivazione, si sono introdotti all’interno del parco in via Misasi, dirigendosi verso le sagome dei personaggi della Disney, utilizzati dai bimbi per immortalarsi in un selfie, al solo scopo di distruggerli, danneggiarli e sradicarli da terra, “per puro divertimento”, per un sabato sera diverso.

Sotto effetto dell’alcol? Sembrerebbe di sì, e si spera solo sotto effetto dell’alcol e non di stupefacenti. Arrivano al parco, sono in tre. Uno si separa dal gruppo e velocemente scende le scale per dirigersi verso una delle cinque sagome presenti nell’area verde e, con un colpo secco, buttarla a terra. Un paio di ragazzi che passeggiano sul marciapiede tentano di fermare l’allegra “brigata” ma vengono bloccati dal gruppetto mentre, purtroppo, nella piena indifferenza, passanti tirano dritto facendo finta di non vedere.

(sotto un frame del video di sorveglianza in cui si vede uno dei giovani danneggiare una sagoma).

MA IL GRANDE FRATELLO OSSERVA TUTTO

Ignari che il parco sia dotato di un servizio di videosorveglianza, spadroneggiano all’interno del giardino pubblico. Addirittura decidono di farsi un giro anche sui giochi prima di andare via, soddisfatti dell’opera appena compiuta. Nel video si osserva qualcuno del gruppo che riprende l’insano gesto con il telefonino e, addirittura, avviene anche un abbraccio tra di loro quasi a complimentarsi del grande gesto.

Il tutto, ripreso da più angolazioni viene immortalato dalle telecamere. Sergio Crocco presidente dell’associazione “La Terra di Piero” e il direttivo decidono di “confezionare” un dvd con i filmati per sporgere formale denuncia in questura. Ma decidono anche di pubblicare sul social uno spezzone del video per rendere pubblico le azioni sconsiderate del gruppo di giovani. Azioni che non sono le uniche, purtroppo, a portare disagi al parco e all’associazione. A dicembre scorso, infatti è stato rubato il defibrillatore posto all’interno del parco “Piero Romeo”, riacquistato grazie alla solidarietà e all’affetto dei cosentini e di chi crede nell’operato fattivo dell’associazione.

SDEGNO E IRA DELLA COMUNITA’ COSENTINA

Il video pubblicato sulle pagine Facebook è stato un tam tam di sdegno e ira da parte della comunità cosentina. E questo tam tam è giunto direttamente ai “compagni di merenda” che vistisi scoperti hanno deciso di compiere un gesto di maturità, forse il primo, chiedendo scusa. Hanno dapprima scritto all’associazione e poi si sono recati direttamente in sede a chiedere come poter rimediare al danno. Scrive il presidente dell’associazione Sergio Crocco sulla pagina Facebook de “La Terra di Piero”: “Abbiamo appena ricevuto questa lettera e i ragazzi ci hanno pure fatto visita fisicamente alla sede dell’associazione. Ripareranno il danno causato”.

LA LETTERA

Buonasera signori e signore dell’associazione Piero Romeo, siamo i ragazzi responsabili degli atti incivili avvenuti Sabato 15 giugno. Ci teniamo a scusarci con voi e con tutte le persone che curano e usufruiscono delle attrezzature messe gentilmente a disposizione dall’associazione stessa. Ci teniamo a specificare che da parte nostra non c’è nessun astio o nessun tipo di odio nei confronti dell’associazione e/o dei bambini (e delle loro famiglie) che frequentano il parco. Ci scusiamo di nuovo e ci impegniamo a riparare e porre rimedio ai danni che abbiamo causato. Cordiali Saluti“.

I commenti sul social network si sono divisi tra “Adesso va più che bene! Ammettere di essere colpevoli è un gesto che chiede una enorme dose di coraggio, quanto come chiedere scusa..bravi ragazzi!” e “Spero che si impegnino davvero a riparare i danni e, chissà, magari questo gli servirà anche per capire il valore della solidarietà, della condivisione, dell’essere parte di un progetto di integrazione e del rispetto della vita e delle libertà di tutti.  In fondo, come diceva il Poeta: “Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori” oppure “Chissà se il pentimento sarebbe arrivato lo stesso se non fossero stati ripresi da telecamere e capito che oramai erano stati scoperti! Un pentimento poco spontaneo per conto mio . Comunque speriamo che abbiano capito che certe cose non si fanno”.

Di sicuro c’è che il deterrente delle telecamere funziona e, da oggi in poi, terranno un po’ più lontani i malintenzionati. Siete avvisati: giù le mani dal parco Piero Romeo!

 

All’indomani del settimo episodio di vandalismo in tre anni, ai danni del Parco Piero Romeo, Sergio Crocco – presidente dell’Associazione La Terra di Piero – ha voluto lanciare un chiaro messaggio ai microfoni di RLB

ASCOLTA