ASCOLTA RLB LIVE
Search

Tassista senza patente sorpreso tra le strade di Cosenza

L’uomo era riuscito a procurarsi anche una targhetta con un numero di licenza falso

 

COSENZA – Denunciato per falsificazione materiale commessa dal privato in certificati o autorizzazioni amministrative e sanzionato per guida senza patente e servizio taxi senza il prescritto titolo per un importo complessivo di circa 10.000 euro. Nei giorni scorsi, nell’ambito di mirati servizi di prevenzione e repressione dei reati, nonchĂ© al controllo della circolazione stradale predisposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Cosenza, i Militari della Sezione Radiomobile della Compagnia cittadina, hanno posto in essere un’efficace attivitĂ  di controllo di centinaia di veicoli negli snodi nevralgici e maggiormente a rischio del Capoluogo Bruzio che ha consentito di individuare e sanzione un tassista abusivo, tra l’altro sprovvisto di patente di guida. In particolare, nei pressi della stazione ferroviaria, la pattuglia della Sezione Radiomobile, insospettita dall’atteggiamento avuto dal conducente di un’autovettura alfa romeo 159 adibita a taxi, decideva di procedere ad un controllo, costatando che a bordo dello stesso veicolo vi era, quale cliente, un cittadino di nazionalitĂ  marocchina. La prima anomalia riscontrata alla richiesta dei documenti, è stata che l’autista del taxi era privo di patente di guida, poichĂ© revocatagli con decreto prefettizio nel gennaio del 2017.

 

 

A quel punto, i Carabinieri, dubitando anche sul titolo di servizio taxi vantato, decidevano di approfondire l’accertamento, riscontrando come l’uomo non solo non avesse alcun tipo di licenza, ma che avesse addirittura apposto dietro l’autovettura una targhetta con il logo del Comune di Cosenza avente un numero di licenza taxi falso. Infatti, il giorno successivo, attraverso più specifici accertamenti presso il locale Municipio, veniva appurato che lo stesso stava esercitando l’attività senza essere in possesso della prevista licenza rilasciata dal Comune, mediante l’opposizione sul veicolo di un codice identificativo contraffatto. Al termine degli adempimenti del caso, il veicolo è stato sottoposto a fermo amministrativo, mentre l’uomo è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per il reato di falsificazione materiale commessa dal privato in certificati o autorizzazioni amministrative. Inoltre, a carico dello stesso sono state elevate contravvenzioni per un importo complessivo di circa 10.000 euro, in quanto ritenuto trasgressore delle norme previste dal codice della strada per guida senza patente e servizio taxi senza il prescritto titolo.