ASCOLTA RLB LIVE
Search

Corteo neofascista a Cosenza Vecchia

Il leader di Forza Nuova Roberto Fiore davanti al teatro Rendano ha tenuto un breve comizio annunciando la partecipazione alle elezioni regionali della Calabria: “Contro il potere della massoneria e dei centri sociali”

 

COSENZA – Inaspettato corteo neofascista nel centro storico di Cosenza. Ieri i militanti di Forza Nuova hanno fatto irruzione nel centro della città con una manifestazione conclusasi con un breve comizio del leader Roberto Fiore davanti al teatro Rendano. Ai megafoni davanti a circa una sessantina di simpatizzanti del movimento neofascista Fiore ha annunciato la candidatura alle prossime elezioni della Regione Calabria. Al grido di “Mimmo Lucano, ruffiano nemico giurato del popolo italiano” i forzanovisti hanno sfilato sottolineando in una nota che è stata “la prima volta che un movimento patriottico penetra così a fondo in una città nota per l’arroganza dei centri sociali e gli intrighi della massoneria. Fiore ha detto: ‘sono passato per tutte le città capoluogo della Calabria, non potevo che concludere qui a Cosenza dove il connubio massonico/comunista è più forte e un tempo impenetrabile. Ma oggi siamo passati!’. Fiore si è poi recato a Bonifati assieme ai candidati del sud per le elezioni europee per il comizio conclusivo”.

 

 

I CENTRI SOCIALI RISPONDONO: “QUANDO SI VA A CASA D’ALTRI SI BUSSA”

“Oggi, in un deserto primo pomeriggio, – affermano gli attivisti del centro sociale Rialzo – un patetico manipolo di patrioti, guidati dal loro capetto Roberto Fiore, in giro per la Calabria per diffondere le sue xenofobe e razziste idee in vista dell’imminente tornata elettorale, si è reso protagonista di una fulminea visita nel Centro Storico della nostra città. Un gesto che potremmo definire, a tutti gli effetti, di stampo futurista, così rapido e insignificante da suscitare le risa. Più bandiere che teste rasate, più selfie che minuti di sosta effettivi. Evento che non meriterebbe neanche commento, se non fosse che qui a Cosenza anteponiamo educazione e rispetto su tutto. E voi, con il vostro gesto futurista, siete stati piuttosto maleducati. Avreste potuto avvisarci, invitarci alla vostra marcetta e, invece, avete preferito telefonare alla Questura, per avere un po’ di compagnia. Una mancanza di rispetto e cortesia che non è passata inosservata, soprattutto a Cosenza Vecchia. Vi avremmo potuto accogliere a braccia aperte, come facciamo da 30 anni a queste parte ogni volta che tentate queste dannunziane sortite, ma niente, ogni volta che venite preferite o rintanarvi dentro gli hotel o sparire dopo pochi minuti dal vostro arrivo. Questo vi dovevamo, solo per cortesia, affinché la prossima volta, tra altri 30 anni, impariate le buone maniere”.

Cosenza antifascista contesta Forza Nuova. Hotel San Francesco sotto assedio (FOTO)

Intervista a Roberto Fiore – Forza Nuova: “L’Italia torni agli italiani” (AUDIO)

 

Fiore querela QuiCosenza e annuncia: ‘Sarò a Cosenza città in mano a massoni e centri sociali’

Atteso in città l’arrivo di Fiore, dopo l’annunciato presidio la città potrebbe essere militarizzata

Manifestazione antifascista nel cosentino contro l’apertura della sede di Forza Nuova