ASCOLTA RLB LIVE
Search


Dopo 40 anni aperto l’ingresso dell’Annunziata, Oliverio: “subito il nuovo ospedale”

C’era anche il governatore della regione Calabria stamattina a Cosenza all’inaugurazione del nuovo ingresso principale dell’Ospedale Civile di Cosenza e il nuovo reparto di Chirurgia Toracica

 

COSENZA – AutoritĂ  civili e religiose, personale medico e paramedico, rappresentanti del mondo del volontariato e dell’associazionismo ma anche tantissimi cittadini hanno preso parte stamattina alla riapertura dopo 40 anni dell’ingresso dell’ospedale dell’Annunziata. Alla cerimonia anche il presidente Oliverio che è tornato sulla necessitĂ  di procedere alla realizzazione della nuova struttura ospedaliera a Cosenza bloccata, allo stato, dal Comune di Cosenza: “Il fatto che oggi si inaugurino queste due importanti strutture è un dato importante e significativo. L’Annunziata è una struttura che rimane un punto di eccellenza in cui, storicamente, hanno operato grandi e illustri professionisti che hanno fatto scuola e che hanno dato ad essa l’autorevolezza e l’affidabilitĂ  necessarie per infondere fiducia nei cittadini”.

“Naturalmente, a distanza di tanto tempo dalla sua realizzazione, anche questa struttura ha bisogno di moderni contenitori e di nuovi spazi. Nel corso di questi anni sono intervenute innovazioni e trasformazioni che devono servire per migliorare le prestazioni, per elevarne la qualitĂ  e per corrispondere al meglio alla tutela della salute dei cittadini”.

“Nuovo ospedale, le contrapposizioni non servono”

Oliverio ha sottolineato come da due anni siano state stanziate “le risorse necessarie e disponibili immediatamente per realizzare un nuovo presidio ospedaliero a Cosenza. Ci auguriamo che questa cittĂ  e questa provincia siano al piĂą presto messe nelle condizioni di poter realizzare una nuova e moderna struttura sanitaria. Le contrapposizioni non servono. Ci sono momenti in cui non ci possono essere impostazioni o visioni politiche che contrastano con la realizzazione del Bene Comune. Le risorse ci sono, c’è uno studio di fattibilitĂ , due elementi sufficienti, che ci mettono nelle condizioni di poter procedere rapidamente alla realizzazione del nuovo presidio ospedaliero. Si eviti, quindi, di perdere altro tempo! Ritardare e rimandare scelte e decisioni può significare perdere risorse e mandare alle ortiche una grande occasione”.