ASCOLTA RLB LIVE
Search


Dopo sei anni di solleciti il Comune di Cosenza interviene sulle strade di CittĂ  2000

Prevista anche la messa in sicurezza della pericolosa curva a gomito e degli incroci di Serra Spiga dopo ripetute petizioni di commercianti e residenti

 

COSENZA – «Finalmente – afferma il consigliere comunale di Cosenza Massimo Lo Gullo – dopo ripetute insistenze e petizioni del sottoscritto, di commercianti di cittĂ  2000 e di tanti abitanti della zona, l’amministrazione, sia pure con colpevole ritardo dopo piĂą di sei anni, per il tramite del Presidente della Commissione Trasporti avvocato Gisberto Spadafora, mi ha assicurato e preannunciato che nelle opere appena appaltate sono state attivate tutte le procedure amministrative e gli atti necessari per la messa in sicurezza delle strade di Via Saverio Albo in prossimitĂ  delle Scuole Elementari e Materna, di Via Eduardo Galli all’altezza della Chiesa di San Giuseppe ed all’incrocio con CittĂ  2000, di Via Fratelli Cervi in prossimitĂ  di una pericolosa curva a gomito, di Via Accattatis dove scorrazzano a velocitĂ  pericolosa gli autoveicoli, di Via Enrico Salfi dove insistono parcheggi da ambo i lati che rendono pericoloso il tragitto, di Via Mattia Preti in prossimitĂ  di due incroci pericolosi e di Via Serra Spiga XXV strada con parcheggio selvaggio nelle vicinanze del Centro Sociale e di una clinica privata .

 

 

Nelle opere preventivate, sono previste il rifacimento delle strisce pedonali, della segnaletica orizzontale e verticale e della installazione di dissuasori di velocità. Auspico che veramente tutti questi impegni preannunciati vengano realizzati nel più breve tempo, visto lo stato di pericolosità delle zone interessate ed il lungo tempo trascorso. Se dovesse verificarsi l’ennesima presa in giro, a nome di tutti, sarò costretto a chiedere l’intervento di Sua Eccellenza il Prefetto, con lo scopo di tutelare l’incolumità degli abitanti, dei commercianti ed in particolare modo dei bambini che frequentano i pressi scolastici e religiosi della zona».