Cosenza: sospetti maltrattamenti in un asilo, genitori aggrediscono l’educatrice

Il fatto sarebbe accaduto in un asilo privato della città. I genitori di un bambino da qualche tempo avevano il sospetto che il figlio venisse maltrattato

 

COSENZA – Hanno pensato di farsi ‘giustizia da soli’ i genitori di un bambino che frequenta un asilo privato di Cosenza. Il piccolo ha circa due anni, e la mamma e il papà da qualche tempo avevano il dubbio che il figlioletto potesse aver subito maltrattamenti, proprio all’asilo, una struttura privata della città. E così hanno deciso di indagare ma non rivolgendosi alle autorità preposte ossia alle forze dell’ordine. Hanno infatti comprato una microcamera e l’hanno messa addosso al loro figlioletto e l’hanno accompagnato all’asilo.

Il dispositivo avrebbe ripreso un’intera giornata all’asilo. All’indomani, dopo aver visionato le immagini  secondo quanto emerso dai primi riscontri, i genitori si sarebbero recati nella struttura e attesa l’educatrice, l’avrebbero aggredita. La donna è stata medicata in ospedale, all’Annunziata, con una prognosi di 15 giorni dove pare abbia sporto denuncia.

Ora le autorità competenti dovranno accertare se effettivamente il bambino sia stato vittima (insieme ad altri) di maltrattamenti e stanno ricostruendo anche i fatti relativi all’aggressione.