Ragazzo cosentino morto a Bologna, si indaga per rintracciare i pusher

L’ipotesi ad oggi più accreditata sulla morte del giovane cosentino è l’assunzione di un mix di droghe rivelatosi fatale

 

BOLOGNA – Andrea Silvio Rocchetto potrebbe essere stato ucciso da un mix di droghe. Il 28enne di Rende morto domenica pomeriggio dopo le 17:00 in un appartamento nella zona universitaria di Bologna in via Zamboni dove si trovava ospite a casa degli amici i quali rientrati a casa lo hanno trovato agonizzante. Avvertiti i sanitari del 118 che hanno tentato disperatamente di rianimarlo per lui non c’è stato nulla da fare. Ad oggi i Carabinieri stanno lavorando per ricostruire le ultime ore di vita del ragazzo e, a quanto si apprende, l’ipotesi prevalente è che fra la serata e la mattinata possa avere assunto in modo ripetuto eroina e ketamina. Sulla vicenda è stato aperto un fascicolo, per morte a seguito di altro reato, e gli investigatori stanno svolgendo indagini mirate per tentare di individuare i ‘pusher’ che avrebbero ceduto la droga al giovane.

 

 

Oggi dovrebbe essere eseguita l’autopsia sulla salma di cui è stato disposto il sequestro dal pm Bruno Fedeli. La casa degli studenti fuorisede (anch’essi residenti nell’area urbana di Cosenza) in cui era ospite è stata perquisita, ma al suo interno non sono state trovate tracce di stupefacenti. Si esclude a priori l’ipotesi dell’omicidio. Sul suo corpo infatti non è stato trovato alcun segno di violenza. Almeno due persone potrebbero nelle prossime ore essere iscritte nel registro degli indagati con l’accusa di aver ceduto a Rocchetto lo stupefacente rivelatosi fatale. Si sospetta, ma ancora resta tutto da verificare, che il ragazzo abbia inteso acquistare da un conoscente della cocaina che in realtà sembrerebbe fosse altro (ketamina o eroina). La causa ufficiale del decesso è riconducibile ad un arresto cardiocircolatorio. L’esame tossicologico chiarirà la natura e la quantità di stupefacenti assunta dal ventottenne prima di avvertire il malore che lo ha portato al decesso.

 

LEGGI ANCHE

Giovane cosentino muore in un appartamento di Bologna