ASCOLTA RLB LIVE
Search


Nuove statue in arrivo su Corso Mazzini (FOTO)

Il Museo all’Aperto Bilotti accoglierĂ  altre cinque opere d’arte. La Giunta autorizza l’accettazione delle donazioni proposte da Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona

 

COSENZA – Il Museo all’Aperto Bilotti si appresta ad accogliere altre cinque opere d’arte, appartenenti ad alcuni tra i piĂą importanti artisti italiani del Novecento: Pericle Fazzini, Gino Severini e Arturo Martini. La Giunta comunale, presieduta dal Sindaco Mario Occhiuto, ha autorizzato, infatti, l’accettazione delle donazioni modali, proposte dal dott.Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona, figlio di Enzo Bilotti e nipote di Carlo Bilotti, ideatori del MAB. Delle cinque opere d’arte che arricchiranno il Museo all’aperto Bilotti fanno parte la Sibilla di Pericle Fazzini, Fouettè (Danseuse), il Giano Bifronte e l’Arlecchino di Gino Severini e, infine, la Dormiente di Arturo Martini. Tutte e cinque le opere d’arte saranno vincolate in modo permanente al Museo all’Aperto Bilotti e rappresentano un’importante occasione per consolidare ed arricchire il MAB e la sua collezione en plein air che fa ormai parte, a tutti gli effetti, del patrimonio storico, artistico e identitario di Cosenza.

 

I tre autori delle cinque opere figurano tra i piĂą importanti artisti nazionali del Novecento, internazionalmente riconosciuti grazie ad una produzione ospitata nelle esposizioni permanenti dei maggiori musei e con quotazioni di mercato quanto mai significative. Entrando nel dettaglio delle nuove opere donate al MAB, la Sibilla di Pericle Fazzini è una statua realizzata mediante fusione in bronzo, delle dimensioni di 98 x 67 x 32 centimetri. Realizzata mediante fusione in bronzo patinato è la statua Fouettè (Danseuse) di Gino Severini. Si tratta di un unico esemplare in misura monumentale dal modello del 1962 delle dimensioni di 190 x 73 x 48 centimetri. Ancora di Gino Severini è il Giano Bifronte, scultura in bronzo, unico esemplare in misura monumentale tratto dal bozzetto eseguito, su disegno dell’autore, nel 1962 a Parigi, dalle dimensioni di 170 x 65 x 42 centimetri. Terza ed ultima opera di Gino Severini è l’Arlecchino, statua in terracotta colorata delle dimensioni di 215 x 80 x 90 centimetri. A completare il lotto delle nuove donazioni di Roberto Bilotti Ruggi d’Aragona all’Amministrazione comunale, la Dormiente di Arturo Martini, in marmo statuario, delle dimensioni di 120 x 70 x 100 centimetri.