ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cosenza, Tute Gialle: si punta dritti al Comune per difendere il diritto al lavoro

Sigle sindacali e lavoratori alle dipendenze di Ecologia Oggi, in un corteo punteranno verso il Comune bruzio per chiedere un’audizione e la rettifica del capitolato di gara che conterrebbe anomalie. Sulla questione licenziamenti l’Amministrazione Occhiuto replica “Abbiamo chiesto efficienza del servizio”

 

COSENZA – Le tute gialle continuano la battaglia “solidale” tra colleghi per difendere il diritto al lavoro. Con una nota sindacale a firma della Federazione provinciale unitaria Fp Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl ed inviata alla direzione lametina della societĂ  che gestisce la raccolta dei rifiuti per la cittĂ  bruzia, le organizzazioni sindacali hanno comunicato per il prossimo 14 gennaio presso il cantiere nella sede di Cosenza un’assemblea retribuita aperta a tutti i lavoratori per discutere “della relativa preoccupazione sulla probabile riduzione del personale“; “mancata comunicazione del pagamento dello stipendio in riferimento alla mensilitĂ  di dicembre 2018″. Quindi è palese la preoccupazione per i dipendenti di questi probabili licenziamenti di dieci dipendenti sprovvisti di patente C per assumerne altrettanti che soddisfino il requisito di cui attualmente peccherebbe l’azienda per lo svolgimento dei servizi in cittĂ . Ad affiancare i licenziamenti anche il mancato stipendio di dicembre che, dovrebbe essere versato entro il 10 del mese successivo.

Quello dei licenziamenti, dunque sarebbe un dato oggettivo, comunicato ai dipendenti dallo stesso presidente Guarascio, in una riunione tenutasi martedì scorso, in cui secondo i sindacati e chi era presente, l’input sarebbe arrivato dall’Amministrazione comunale. E all’articolo stampa pubblicato nella giornata di ieri, in cui le tute gialle chiedevano lumi alla dirigenza comunale, non è mancata la replica di questi ultimi, che sottolineano come “non abbiano mai formulato indirizzi di tal genere al gestore del Servizio Integrato di Igiene Urbana, al quale si richiedono, esclusivamente, efficienza nello svolgimento del servizio e puntualitĂ  nel rispetto degli obblighi contrattuali assunti“.

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE NON HA MAI CHIESTO I LICENZIAMENTI

Si legge infatti nella nota: “L’Amministrazione Comunale di Cosenza prende atto, con estrema sorpresa e con vivo disappunto, di quanto è stato pubblicato nella giornata di ieri da alcuni organi di informazione in merito al licenziamento di dieci operai da parte della societĂ  Ecologia Oggi S.p.A. da sostituire con altri dieci nuovi assunti muniti di patente C. Ciò che lascia sconcertati, in particolare, è la circostanza, riportata nella notizia, secondo cui tale decisione sarebbe stata suggerita al datore di lavoro dal Comune di Cosenza.

E’ inutile sottolineare come questa informazione sia del tutto destituita di fondamento in quanto l’Amministrazione Comunale non ha mai formulato indirizzi di tal genere al gestore del Servizio Integrato di Igiene Urbana, al quale si richiedono, esclusivamente, efficienza nello svolgimento del servizio e puntualità nel rispetto degli obblighi contrattuali assunti. Il tutto senza mai entrare nel merito delle strategie aziendali interne che rientrano nelle prerogative esclusive di Ecologia Oggi.

Peraltro, atteso che non è consuetudine del Comune di Cosenza operare ingerenze in questioni interne alle societĂ  appaltatrici di servizi, appare utile sottolineare come l’Amministrazione si sia in questi mesi spesa in prima persona per l’implementazione delle politiche del lavoro all’interno del territorio urbano oltre che per la salvaguardia dei livelli occupazionali esistenti. Purtroppo, nella nostra cittĂ  è frequente la tentazione di attribuire ad altri soggetti responsabilitĂ  connesse al proprio ruolo ed alle proprie attribuzioni con azioni ed atteggiamenti che sono da considerare, se effettivamente posti in essere, del tutto sterili ed inaccettabili”.

LE TUTE GIALLE VOGLIONO CHIAREZZA

Ma le tute gialle vanno avanti per la loro strada e promettono di puntare verso il Comune in un corteo pacifico per chiedere audizione ed un confronto con la dirigenza amministrativa. “Molti di noi lavorano da oltre 20 anni in questo settore, prima Valle Crati adesso Ecologia Oggi, e non abbiamo la patente C. Dobbiamo finire a casa perchè i criteri adottati non soddisfano le richieste dell’appalto di gara? E per farli corrispondere si usa la carta del licenziamento? Vogliamo capire cosa sta succedendo. Noi siamo padri di famiglia. Oggi vogliamo certezze, non comunicati”. I sindacati inoltre fanno sapere che ci sarebbe da discutere anche sul capitolato di gara che conterrebbe delle anomalie. Una partita aperta dove per il bene di tutti si spera di giungere ad un chiarimento e soprattutto ad un accordo che allontani le ombre del licenziamento.

Le tute gialle hanno poi sottolineato che hanno fiducia nell’Amministrazione comunale e proprio per questo chiederanno una riunione: «Siamo pacifici e lottiamo per il diritto al lavoro che, lasciatecelo dire, svolgiamo con la massima serietĂ , tutti i giorni, e anche in condizioni precarie. Vogliamo far sapere ai cosentini, appunto perchè teniamo a questa cittĂ  che, alle quattro del pomeriggio abbiamo terminato la raccolta dei rifiuti previsti per la giornata di oggi e la raccolta della plastica prevista per ieri. Noi teniamo alla cittĂ  e rispettiamo i cosentini, che gli altri rispettino noi» 

 

LEGGI ANCHE

Cosenza, Tute gialle in agitazione: “Non hai la patente?…Ed io ti licenzio”