ASCOLTA RLB LIVE
Search


Cantieri e disagi a Cosenza, Occhiuto: “Dobbiamo scusarci e spiegare”

Affida ancora una volta al social network Facebook, Mario Occhiuto, sindaco di Cosenza la possibilità di fare chiarezza circa la presenza di cantieri in città che allo stato però sono fermi 

 

COSENZA – “La presenza di cantieri in cittĂ  provoca sempre disagi ai cittadini. La cittĂ  è come una grande casa collettiva, e ognuno di noi sa bene cosa voglia dire avere dei lavori in corso nella propria casa. Per questo motivo mi voglio scusare con i cittadini e con quanti si recano quotidianamente nella nostra cittĂ . Ci sono cantieri aperti con lavori in corso e ci sono disagi e disservizi. Ma una cittĂ  che si trasforma e si rinnova – scrive il sindaco – è una cittĂ  che cresce e che crea ricchezza per il futuro e maggiori opportunitĂ  per i nostri figli”.

Il cantiere della Metro? Riguarda la Regione

“Il cantiere della Metro di superficie, in particolare, non riguarda lavori che sono di competenza comunale. La Regione è l’Ente che ha promosso e progettato l’opera in passato e che ha appaltato e affidato recentemente i lavori all’impresa esecutrice. Tutti i partiti politici sono sempre stati d’accordo sulla realizzazione di questa opera. Compresi i sindaci dell’epoca, Sandro Principe e Giacomo Mancini, che furono addirittura tra i promotori. L’unica voce critica negli ultimi anni è stata la mia, a cui solo successivamente si sono aggiunte quelle di vari comitati e movimenti”.

“Le criticitĂ  a cui ho sempre fatto riferimento – sottolinea il primo cittadino – erano riferite alla sostenibilitĂ  ambientale ed economica dell’opera progettata, non certo all’utilitĂ  e alla necessitĂ  di dotare la cittĂ  unica (Cosenza Rende Unical) di un unico sistema di trasporto pubblico urbano. Grazie al nostro interessamento e alle nostre proposte il progetto è stato migliorato dalla Regione, anzi direi stravolto rispetto a quegli elementi di criticitĂ  presenti. Adesso al posto di una grande arteria divisiva della cittĂ  con due strade veicolari e due linee su ferro, avremo un solo tracciato inerbito senza barriere e senza cavi e un grande Parco lineare di verde attrezzato. E la riqualificazione della linea ferroviaria esistente su via Popilia. Inoltre abbiamo inserito il finanziamento per la costruzione della strada veicolare alternativa su Via Reggio Calabria e di tante altre opere vantaggiose per la cittĂ ”.

La sostenibilitĂ  economica di un’opera, per Occhiuto, necessaria

“Per quanto riguarda la sostenibilitĂ  economica c’è da dire che la gestione del trasporto pubblico locale è finanziata in massima parte dal fondo regionale e nazionale sul trasporto pubblico, così come avviene giĂ  oggi per Ferrovie della Calabria, Amaco e Consorzio Autolinee. E che la presenza di un campus universitario come l’Unical, con piĂą di trentamila tra studenti e docenti, giustifica ulteriormente l’investimento della ComunitĂ  Europea. Il Trasporto pubblico è considerato un servizio essenziale per le comunitĂ  e necessita di risorse pubbliche anche per la gestione; non può essere garantito solo con i ricavi di esercizio. Quindi l’opera è necessaria, e così come modificata grazie alle nostre richieste farĂ  diventare l’area urbana molto piĂą attrattiva e innovativa. Cosenza, grazie a questa e altre opere in corso, sono sicuro che diventerĂ  una delle cittĂ  piĂą apprezzate e visitate d’Italia”.

“Se gli impegni della Regione non saranno mantenuti agiremo di conseguenza”

“Resta però il fatto che il Comune di Cosenza, così come quello di Rende, ha dato l’autorizzazione ad eseguire i lavori sottoscrivendo con la Regione un accordo quadro sulla mobilitĂ  che prevede precisi impegni (da parte della stessa Regione) sulle modalitĂ  finanziarie e di esecuzione delle opere anche in relazione ai tempi previsti. Se questi impegni non saranno mantenuti e se non vedremo nelle prossime settimane all’interno del cantiere un consistente impiego di mezzi e persone, saremo costretti (come al solito) a prendere i provvedimenti del caso e a risolvere il contratto con la Regione”.