ASCOLTA RLB LIVE
Search

La Chiesa di Santa Teresa, dall’alcol ai “graffiti della movida”

Non basta la sporcizia, i bicchieri, gli alcolici versati sulle gradinate. Ora sono apparse anche le ‘scritte’ sui gradini

 

COSENZA – Una situazione divenuta ormai intollerabile che sfiora il limite del vandalismo. Non servono più i numerosi appelli alla civiltà e al rispetto dei luoghi. Ancora una volta, presa di mira la struttura religiosa in piazza Santa Teresa, dove nei weekend succede di tutto.

Abbiamo raccontato e documentato le notti brave dei giovani che la affollano nei fine settimana, di alcol, bottiglie di vetro, bicchieri, e in alcuni casi  anche della presenza di vomito e urina sulle scale della chiesa. Ma stavolta è intervenuta anche la ‘mano‘ di qualche pseudo artista che ha lasciato la sua ‘firma’ sui gradini.

Il parroco e i fedeli che soprattutto nei fine settimana frequentano la chiesa di Santa Teresa, sono costretti a farsi largo tra la sporcizia e l’inciviltà. E ieri sera evidentemente, qualcuno si è lasciato prendere la mano con tanti di scritte sui gradini. Evidentemente, se alcuni giovani che frequentano la piazza e il sagrato durante i weekend non hanno rispetto per il luogo che li ospita, forse la proposta di impedire l’accesso alle scale con una cancellata, sembra essere la soluzione più idonea.

LEGGI ANCHE

Santa Teresa, sagrato invaso da vomito, alcol, urina

La ‘malamovida’ colpisce ancora, danni alle scale della Chiesa di Santa Teresa