Biblioteca civica di Cosenza, lavoratori ancora in bilico

Il Comune di Cosenza dichiara di essere ancora interessato ad assorbire il personale e gestire direttamente la storica istituzione bruzia

 

COSENZA – In merito alle gravi problematiche emerse nuovamente in questi giorni rispetto alla storica istituzione culturale del capoluogo bruzio, l’Amministrazione comunale tiene a fare alcune precisazioni. La Biblioteca Civica è un ente autonomo sul quale il Comune non può intervenire in nessun modo, se non versando annualmente la quota di contributo economico a suo tempo stabilita. La Provincia di Cosenza nominava in passato il direttore tra i dirigenti in servizio presso l’Ente. Poiché con la legge Delrio la Provincia ha perso alcune funzioni, tra le quali quelle che riguardano i temi culturali, il Comune di Cosenza aveva proposto recentemente di mettere in liquidazione l’ente (gravato da molti debiti) assorbendo i dipendenti nella pianta organica comunale, in modo da rilanciare le attività. La proposta dell’Amministrazione municipale non ha trovato accoglimento da parte dell’ente Biblioteca Civica ma il Presidente della Provincia, Franco Iacucci, ha chiesto responsabilmente di continuare ad interessarsi della questione e ha avviato un rapporto di collaborazione con la Biblioteca Nazionale con il beneplacito della Amministrazione comunale di Cosenza. Se l’iniziativa in corso non dovesse ottenere i risultati sperati il Comune di Cosenza rimane interessato ad una gestione diretta della Biblioteca al fine di garantirne la fruizione culturale e preservare l’immenso patrimonio librario esistente.