ASCOLTA RLB LIVE
Search

La cittĂ  ostaggio del traffico, Damiano Covelli: “Occhiuto riapra le ZTL”

Dalla Commissione consiliare trasporti di Palazzo dei Bruzi svoltasi questa mattina si chiede la riapertura di tutti i varchi Ztl della cittĂ ”

 

COSENZA – “Vanno immediatamente riaperti tutti i varchi Ztl della cittĂ  di Cosenza”. La richiesta arriva dai consiglieri comunali Damiano Covelli (Pd), Bianca Rende (Pd) e Francesca Cassano (Uniti per la cittĂ ) nel corso della Commissione consiliare trasporti di Palazzo dei Bruzi svoltasi questa mattina. “La cittĂ  è ormai ostaggio delle auto, l’entrata in vigore dell’ordinanza che disciplina la nuova configurazione del traffico veicolare non ha fatto altro che aumentare i disagi per gli automobilisti, mandando in tilt il sistema di viabilitĂ ”.

“Ad oggi – affermano i consiglieri Covelli, Rende, Cassano – il progetto della strada alternativa è rimasto solo sulla carta, non è stata infatti realizzata la bretella di collegamento parallela a via Popilia che avrebbe contribuito a snellire il traffico. Se a questo aggiungiamo le aree Ztl la situazione per gli automobilisti ormai è diventata insostenibile. Da quando è stato chiuso il tratto di viale Mancini sono aumentate le contravvenzioni. Il sindaco Occhiuto non può pensare di continuare a fare cassa con le multe, diminuendo tra l’altro i parcheggi e non garantendo quelli delimitati dalle strisce bianche, ma riempiendo la cittĂ  con aree di parcheggio a pagamento”.

“Noi chiediamo, dunque, che si proceda subito con i lavori di realizzazione della viabilitĂ  alternativa e che vengano riaperti i varchi Ztl per permettere, nel frattempo una piĂą fluida e meno esasperante circolazione veicolare. Bisognerebbe, inoltre, rivedere le multe che sono state ingiustamente inflitte agli automobilisti, spesso esasperati dalla paralisi del traffico. Non dimenticando che la decisione di chiudere il tratto di viale Parco ha arrecato danni economici notevoli ai commercianti, oggi fortemente in crisi a causa di un evidente calo delle entrate”.