ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cosenza, centro storico: la “Cenerentola” che ancora non trova il principe (Video)

Elezioni regionali, elezioni comunali, ipotesi di complotto, cittadini arrabbiati, partiti politici, movimenti, associazioni. Un minestrone che bolle in più contenitori. Oggi è quello del centro storico e dei problemi atavici

 

COSENZA – Il primo cittadino bruzio, Mario Occhiuto, dopo la lunga lettera ai cittadini pubblicata sulla pagina Facebook in cui denuncia un attacco alla sua persona da parte “della politica” e preannuncia la sua candidatura alle prossime competizioni elettorali della regione Calabria, ritorna sempre sui social con un nuovo post che parla delle piogge che danneggiano il centro storico. Piogge che trasformano il centro storico in una grande e pericolosa “vasca da bagno”. Nel frattempo il Movimento Noi, che sembra si prepari a scendere in campo per proporre una futura lista per le prossime amministrazioni comunali, non si risparmia sulla mancata azione di risanamento della città vecchia, non solo per quanto riguarda gli allagamenti da piogge ma anche per una “cenerentola” che tutti vogliono e nessuno prende: una città vecchia sempre al centro dell’attenzione per tutti i problemi che vive giornalmente ma, che ancora ad oggi, non si riescono a risolvere. E monta la polemica

 

Cittá Storica di Cosenza- arriva la pioggia ed ecco ancora una volta le cascate pericolose per i Cittadini ma non per questa Amministrazione. E poi si lamentano quando chiediamo le loro dimissioni. Il Movimento NOI ribadisce la sua richiesta. Nessuno sta tutelando la Cittá Storica, chiusa anche a chi vorrebbe aiutarla ma, per farlo, se la deve fare a piedi. Credo che sia maturo il tempo di ricordarvi che vi stiamo anche pagando e che avete il dovere di provvedere.

Gepostet von Fabio Gallo am Samstag, 11. August 2018

 

OCCHIUTO: UN PROBLEMA ATAVICO

«Nel centro storico da sempre ci sono problemi di raccolta delle acque piovane anche in considerazione delle pendenze elevate. Nessuno se ne era mai interessato in passato, così come mai nessuno si era interessato del centro storico lasciandolo al degrado per settant’anni. Ma noi che interveniamo su tutto, che abbiamo già recuperato tutti gli immobili pubblici storici compresi il Castello, i ponti storici e tutti i complessi monumentali pubblici. Noi che abbiamo creato nuovi servizi nel centro storico e previsto incentivi. Noi che abbiamo, per la prima volta nella storia della città, disposto Ordinanze di messa in sicurezza a danno dei proprietari e addirittura espropri di immobili privati a rischio crollo.  Noi interveniamo su tutto.  E così stiamo intervenendo anche per risolvere questo problema realizzando opere di canalizzazione interrata e griglie di raccolta.

Abbiamo già realizzato una parte di lavori ma anche in questo caso la Soprintendenza con il suo funzionario Sergio De Paola (probabilmente manovrato dai nostri avversari) ci ha bloccati impedendoci di completare le opere, e richiedendo addirittura la presenza di un archeologo. E a nulla è valso il fatto che i nostri tecnici abbiano fatto notare che si tratta di pavimentazioni completamente rimaneggiate da recenti lavori per il rifacimento delle condotte fognarie e che comunque non si faceva altro che allargare i pozzetti esistenti.

Ormai la situazione sta diventando molto pesante perché abbiamo rallentamenti continui che riguardano lavori nel centro storico e che durano anni, pretestuosamente provocati da funzionari e dirigenti della Soprintendenza in mala fede. Ho ricevuto persino denunce verbali da parte di imprese che si dichiarano taglieggiate da funzionari della Soprintendenza, e ovviamente ho detto loro di presentare denuncia alle autorità competenti. Un tale dirigente Banchini ha addirittura telefonato a funzionari di altri enti (cosa mai avvenuta in passato in un Ministero come il Mibact) per esercitare indebite pressioni.

Il problema del centro storico non è un problema di risorse ma è diventato essenzialmente un problema legato alla Soprintendenza, alla probabile corruzione di alcuni funzionari, e alle indebite pressioni esercitate dalla politica sugli uffici dello Stato per contrastare gli avversari locali. Tutto ciò sta avvenendo per i lavori su Santa Lucia, su Piazza Campanella, su piazzetta Toscano, sulla Ciclopolitana, sulla riqualificazione dei fiumi, sul Planetario, sulle piazze, sul Ponte. Su tutto. Ci bloccano tutto. Adesso i cittadini del centro storico devono sapere tutto ciò, e devono sapere anche che riguardo ai lavori di canalizzazione delle acque siamo in attesa che la Soprintendenza decida quali pietre si possano rimuovere. Magari potrebbe dircelo la Corrado (sempre che Morra glielo consenta)».

 

MOVIMENTO NOI: LE CASCATE DEL CENTRO STORICO (VIDEO)

“Cittá Storica di Cosenza- arriva la pioggia ed ecco ancora una volta le cascate pericolose per i Cittadini ma non per questa Amministrazione. E poi si lamentano quando chiediamo le loro dimissioni. Il Movimento NOI ribadisce la sua richiesta. Nessuno sta tutelando la Cittá Storica, chiusa anche a chi vorrebbe aiutarla ma, per farlo, se la deve fare a piedi. Credo che sia maturo il tempo di ricordarvi che vi stiamo anche pagando e che avete il dovere di provvedere.

Abbiamo proposto un video, qualche settimana addietro, proprio per “illuminare” gli Uffici del Comune di Cosenza. Ovviamente, non è servito a nulla. Eccolo, te lo propongo. Vedrai che insieme all’amico Vincenzo Capocasale, stiamo indicando parte di questa “sorgente”.

 

Cosenza Città Storica: "le Cascate e la Fiera del Mobile

Movimento NOI: Cosenza, cascate nel Centro Storico.

Gepostet von Movimento NOI – Rete Umana am Dienstag, 19. Juni 2018

 




Impostazioni sulla privacy

Statistiche

Google Analytics - I cookie statistici aiutano i proprietari del sito Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Necessario

Meteogiuliacci.it - I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito Web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

_cfduid

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti Web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

d, IDE, r/collect, test_cookie

Non classificati

I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.

_app_sess, afsu, google_experiment_mod, google_pub_config