ASCOLTA RLB LIVE
Search

Cosenza, sfregiata la panchina rossa contro la violenza alle donne

Era stata posizionata quasi nove mesi fa, su corso Mazzini in ricordo della giornalista Maria Rosaria Sessa uccisa nel 2002 e tutte le donne vittime di femminicidio

 

COSENZA –¬† Lo sdegno su Facebook √® grande per questo atto vandalico, almeno cos√¨ oggi sembra. A darne notizia √® stato il titolare di una delle due edicole Tuscolano che, insieme ad un amico ha cercato di rimediare al danno. Il fatto sar√† accaduto nella notte o nella tarda serata di ieri. La panchina,¬†donata dai consumatori di Caff√® Aiello, fu posizionata lo scorso 27 novembre, in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, dal Circolo della Stampa di Cosenza ‚ÄúMaria Rosaria Sessa‚ÄĚ, con il patrocinio della Citt√† di Cosenza. Il Circolo della Stampa fa sapere sempre sui social che si √® gi√† attivato per riparare il danno. Naturalmente tra i vari commenti il pi√Ļ ricorrente √® quello se a Cosenza le telecamere siano in funzione per punire gli autori di tale gesto.

 

Maria Rosaria Sessa, originaria di Rossano, terminati gli studi liceali decide di iscriversi all’universit√† della Calabria, a Rende dove consegue la laurea in lingue.¬† Dalla fine degli anni ‚Äô90 inizi√≤ una collaborazione giornalistica presso l‚Äôemittente televisiva Metrosat con sede a Rende (Cs). Aveva deciso di intraprendere la carriera giornalistica televisiva, la sua grande passione

Il 10 dicembre 2002, il giorno dopo l’omicidio il quotidiano “La Repubblica” ne diede cos√¨ notizia:

COSENZA¬†– Cinque coltellate hanno ucciso una giovane donna di Cosenza, Maria Rosaria Sessa, 27 anni, giornalista. Il suo corpo √® stato trovato ieri sera in localit√† Palommella, vicino Paola. La donna era riversa sul sedile anteriore di un’auto, una Vectra, ferma sul ciglio della strada dopo un incidente. Maria Roasari Sessa viveva a Rosarno e lavorara in una tv locale di Cosenza, “Metrosat”. Da poco era stata iscritta all’Ordine dei giornalisti. Nella sua vita sembra non vi fosse nulla di strano. Unico appiglio per gli investigatori, una relazione con un uomo, Corrado Bafaro, diventata troppo oppressiva e di cui Maria Rosaria era ormai stanca. Le prime indagini sembrerebbero infatti prendere la direzione dell’omicidio passionale. La vettura sulla quale √® stata trovata Maria Rosaria non era infatti la sua. Apparteneva a Corrado Bafaro, suo ex fidanzato e rappresentate di prodotti odontotecnici. Alla guida, secondo gli inquirenti, c’era un uomo. Forse proprio Bafaro, che la polizia sta cercando, per ora senza successo.

L’omicidio potrebbe essere stato l’epilogo dell’ennesima lite. Corrado Bafaro, quella sera, aveva comprato dei fiori per la donna. Lo stesso mazzo che la polizia avrebbe trovato a bordo dell’auto. Secondo una prima ricostruzione degli investigatori i due si sarebbero incontrati ieri pomeriggio a Cosenza per recarsi da un dentista, un amico dell’uomo. Conclusa la visita, Bafaro e la giornalista sarebbero andati a cena in un ristorante vicino Paola. E a tavola Bafaro avrebbe parlato a lungo con la donna, supplicandola a tornare con lui. Forse Marisa Sessa ha tentato, ancora una volta di convincerlo che ormai la loro storia era finita. E forse, nel rifiuto di Marisa Sessa, avrebbe influito anche il carattere piuttosto violento di Bafara, che gi√† aveva, nel suo curriculum, un precedente per lesioni.

Una discussione continuata in auto, degenerata in una colluttazione e sfociata alla fine nell’omicidio. Si spiegherebbe cos√¨ l’incidente. L’omicida ha ucciso con un coltello da cucina. Cinque coltellate, di cui una, alla carotide, mortale. Marisa Sessa avrebbe lottato a lungo prima di morire e avrebbe anche tentato la fuga. Corrado Bafaro, per ora √® introvabile e gli investigatori, non escludono che l’uomo, dopo aver colpito, si sia allontanato a piedi per poi togliersi la vita.