tentato-omicidio-elisa-amendola

Litiga con la madre e l’accoltella, per Amendola confermata la condanna in appello

Il 35 enne a marzo di un anno fa, accoltellò la madre al culmine di una lite, riducendola in fin di vita. Fu condannato a 11 anni e 4 mesi

COSENZA – Confermata in Appello la condanna inferta a Vincenzo Amendola dal Gup Santese. Accusato di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia, per lui il pm Giuseppe Visconti chiese una pena pari a dodici anni di reclusione. Una tragedia e oggi la madre Elisa Amendola, ad oggi non è più nel pieno delle sue facoltà psico-fisiche. La Corte d’Appello di Catanzaro ha accolto la richiesta formulata dal pubblico ministero. Costituita parte civile la figlia di Elisa Amendola rappresentata dall’avvocato Giampiero Calabrese. L’aggressione era avvenuta nell’abitazione in cui i due vivevano. Una palazzina di via Lucania, nel quartiere Panebianco di Cosenza. Il gesto però, come accertato dall’autorità giudiziaria, non sarebbe stato premeditato. Il litigio, uno dei tanti che si consumavano in casa, non sarebbe inoltre attribuibile, come emerso nel corso del processo, a ragioni legate al consumo di droga. 

Quando i poliziotti perquisirono l’appartamento di via Lucania, trovarono della droga nella stanza di Valentino che già in passato fu arrestato per detenzione e spaccio. Dalle ricostruzioni sui rapporti tra madre e figlio, emersero continue liti e una personalità particolarmente irascibile del giovane. Il 4 marzo del 2017 una pattuglia della Polizia intervenne nello stabile di via Lucania al primo piano, a seguito dell’ennesima lite scoppiata tra i due ed il giovane fu denunciato per maltrattamenti.

Secondo i primi accertamenti il 37enne nel corso di una lite, massacrò con pugni e schiaffi la madre provocandole fratture al setto nasale ed al cranio e poi afferrato un coltello da cucina seghettato le tagliò la gola.. Secondo i primi riscontri chiamò un vicino di casa dicendogli di aver fatto del male alla madre.

 

LEGGI ANCHE

Cosenza, accoltella la madre alla gola: “serve con urgenza sangue per Elisa Amendola”