Occhiuto dopo Nemo: dagli sgravi ai contributi per le case ‘private’ del centro storico (AUDIO)

Il centro storico di Cosenza resta al centro della discussione ma il primo cittadino, sottolinea che l’accostamento tra questo e il Ponte di Calatrava non ha alcun senso e poi sottolinea quello che è stato fatto e quello che si può fare: “Non siamo perfetti ma siamo disponibili”.

 

COSENZA – Non torna indietro sul servizio trasmesso da Rai2 nel programma Nemo, Mario Occhiuto che lo considera “chiaramente costruito a tavolino perchè metteva in relazione alcuni fatti che non c’entrano nulla, cioè la costruzione di un’opera pubblica con lo stato fatiscente di alcune case del centro storico. La costruzione del servizio – spiega il sindaco – era chiaramente ‘interessata’ e c’erano cose false. Per esempio è stata intervistata una signora, la cui casa non era a Cosenza. Altri signori, che occupavano delle case abusive che erano state chiuse con un’ordinanza, sono stati trasferiti a spese del Comune in altre case. Ed è una cosa molto grave perchè si costruisce con false immagini e informazioni, un servizio a tavolino per gettare discredito alla città di Cosenza”.

Il sindaco di Cosenza, intervistato ai microfoni di Rlb nella trasmissione Informattiva, punta ancora una volta sulla necessità di rilanciare il centro storico dal punto di vista turistico, unico modo per incentivare i privati ad investire, sia sulle proprietà immobiliari ma anche in attività e locali commerciali.

ASCOLTA L’INTERVISTA

 

centro-storico_sopralluogo-occhiutoLa situazione del centro storico di Cosenza è così da settant’anni a questa parte, ma è simile ad altre città italiane e centri storici e questo problema riguarda le case. E’ ovvio che dispiace anche a me che ci siano delle strutture in quelle condizioni, ma noi abbiamo fatto di tutto e operato anche nel centro storico; voglio ricordare ad esempio – spiega Occhiuto – il recupero e la messa in sicurezza del Castello, che non era mai stato utilizzato e oggi è un bene culturale, ma anche i ponti storici che non erano stati mai restaurati, la terrazza di corso Plebscito, palazzo Gervasi, il complesso San Domenico dove recentemente, un’ala è diventata sede di un museo di arte contemporanea; e ancora Sant’Agostino, e Santa Lucia dove ci sono lavori in corso bloccati da anni, ma avviati da questa amministrazione”.

E’ chiaro che i lavori nel centro storico sono molto lenti perchè, quando si restaura un fabbricato antico ci sono vincoli, paesaggistici, idrogeologici, blocchi continui… una città costruita nei secoli non si può pensare in pochi anni di restaurarla”. Pretenderlo, secondo Occhiuto “è indice di un comportamento pretestuoso, strumentale e questa situazione fa male a tutti”. Cosa diversa è dire che si può intervenire con facilità: “queste sono case di privati – ribadisce il sindaco – tant’è che ho emesso diverse ordinanze. L’unico modo per risolverlo è acquistare le case e recuperarle. Abbiamo intrapreso questo percorso, ma dopo aver fatto altro: restaurato gli edifici pubblici, potenziato l’illuminazione, la raccolta differenziata, i servizi turistici, la zona franca con gli sgravi… Ma io mi chiedo: prima cosa era stato fatto?”.

“I privati devono fare la loro parte”

centrostorico501“Se non produciamo ricchezza nel centro storico, non c’è nessuno stimolo per i privati a restaurare perchè non saprebbero cosa farne delle loro proprietà: non le utilizzano e non potrebbero venderle. Noi possiamo creare vita e ricchezza per accelerare il processo, ma i privati devono fare la loro parte. Il Comune ha agito sulla parte pubblica: il castello ad esempio, tutt’intorno era nel degrado e ora la situazione è molto migliorata perchè ci sono turisti in continuazione e anche i privati hanno riqualificato le case. Ora, nell’agenda urbana sono previsti circa 15 milioni di euro per l’acquisto e il recupero di case private da destinare a giovani coppie o studenti ed inoltre nel bilancio comunale abbiamo inserito una voce per chi decide di fittare una casa nel centro storico, che potrà avere un contributo di 2.500 euro l’anno per incentivare ad abitarlo. Abbiamo fatto sgravi fiscali, una riduzione consistente della parte variabile della Tari anche per i locali commerciali; sono tutte attività, incentivi, ma se non incentiviamo la vita…”.

“Abbiamo ristrutturato numerose attività – continua Occhiuto – e poi abbiamo dato i locali anche gratuitamente, arredandoli, ed abbiamo anche ricevuto lamentele perchè le persone, al centro storico, non ci vanno. Se noi non incentiviamo e stimoliamo il turismo, l’apertura di nuovi locali, è chiaro che il centro storico non vivrà mai. Per questo abbiamo puntato su Alarico, sui fiumi navigabili che sono una risorsa e vanno potenziati…”.

Politiche del welfare

In questo ambito “c’è un’azione complessiva che non riguarda solo il centro storico ma l’intera città. Alcune persone che sono state intervistate nel servizio di Nemo per esempio, successivamente in un altro filmato, mostrano la casa in cui abitano e che è stata data dal Comune. Abbiamo istituito, e forse siamo l’unico comune, fondi del Comune, la possibilità di ricorrere all’emergenza abitativa. Sostanzialmente il Comune paga l’affitto o una parte dell’affitto alle persone indigenti e tutti quelli che hanno fatto richiesta ed hanno i requisiti possono avere questo contributo. Forse neanche in Emilia è stata prodotta questa azione estesa ai richiedenti ed a volte è difficile operare in questo senso, perchè molti non vogliono nemmeno affittare”.

“Non siamo perfetti, ma siamo disponibili”

“Abbiamo risolto il problema dei campi rom, di via Reggio Calabria, e ora le persone sono sparse nella città e vivono nelle abitazioni e non nelle baracche. Ma ci sono altre situazioni che vengono seguite dai servizi sociali: siamo l’unico Comune – sottolinea il primo cittadino – che offre un servizio di trasporto per soggetti disabili a chiamata individuale, un servizio domiciliare a casa degli anziani con il personale delle cooperative di tipo A. Ma su tutto questo, non abbiamo fatto strumentalizzazioni. La cosa vergognosa di quel servizio è che sapevano che quelle persone abitavano in una casa da 140 metri quadri, a spese del Comune, e che il problema era stato risolto. Addirittura uno di questi signori, aveva riaperto una casa che era stata chiusa. Noi non siamo perfetti ma siamo disponibili. e questa cattiveria nel voler denigrare, non tanto me ma la città di Cosenza, non la sopporto”.

hotelcentrale3901Infine un cenno sull’Hotel Centrale occupato: “è una delle tante occupazioni abusive- ha dichiarato il sindaco – che è stata fatta nella città, e tutte quelle che sono state portate avanti dai comitati, alla fine sono state gestite dal comune come la scuola (pubblica) di Portapiana o l’istituto (privato) delle Canossiane, con una gestione mediata dal Comune che ha trovato sin dall’inizio anche per le occupazioni abusive del centro storico, il modo di venire incontro a queste esigenze che capiamo e che esistono. Noi abbiamo sempre un approccio dialogante, che spesso non è compreso perchè c’è sempre questo tentativo di strumentalizzare politicamente ogni cosa. Come il ponte di Calatrava. Voglio ricordare com’era quella zona tanti anni fa. Oggi c’è un’opera di qualità importante su un quartiere che non è centrale (perchè ci dicono che facciamo sempre le opere nel centro) e che unisce la zona Gergeri a via Popilia. Ogni cosa andrebbe vista con una luce diversa”.

 

LEGGI ANCHE
 
Occhiuto commenta il servizio di Nemo: “trasmissione vergognosa” (VIDEO)
 
Stefano Catanzariti su Nemo “quel poco mostrato è bastato a farvi saltare dalle sedie”ù
 
Cosenza Vecchia su RaiDue: attacchi sui social, mentre i residenti rischiano la vita (AUDIO)