ASCOLTA RLB LIVE
Search

TESI, l’assessore Spataro risponde ai Democrat e al Psi

Risposta al “vetriolo” dell’assessore bruzio: “A rendermi giustizia solo un organo terzo, la Cassazione, in luogo lontano dalla nostra amara terra”

 

COSENZA – Michelangelo Spataro, assessore alla Pianificazione urbana e MobilitĂ  sostenibile – Edilizia privata, della giunta Occhiuto, proprio non riesce a rimanere indifferente difronte alle parole e polemiche che, in questi giorni, balzano da un online all’altro, sentenziando su fatti che gli riguardano personalmente. Ha deciso di spiegare e soprattutto rispondere alle “accuse” e richieste pubbliche dei vari esponenti politici in una lunga nota, dove parla di fatti e misfatti, coincidenze strane e soprattutto ricordando che, prima di parlare bisogna capire bene di cosa si stia parlando. «In riferimento agli articoli ed alle dichiarazione dei giorni scorsi, desidero chiarire alcuni aspetti della vicenda Tesi Spa che ritengo fondamentali per far piena luce su quanto accaduto negli ultimi anni nei vari processi – scrive l’assessore Spataro-. Avevo pensato tra me e me che tacere, nell’accezione piĂą ampia del termine, o comunque non commentare negli anni sarebbe stata la cosa piĂą logica e giusta poichĂ© si trattava di un processo che riguardava la giustizia ordinaria e come tale da rispettare. Ritengo però che a rendermi giustizia a me ed agli altri amici possa essere solo un organo terzo (ovvero la Cassazione) in un luogo lontano dalla nostra amara terra.

Ad oggi, in ogni caso, registro che i due gradi di giudizio non siano serviti a chiarire la posizione dei “pochi ultimi” coinvolti nella lunga vicenda che parte dall’indagine di De Magistris “Why Not” con un avviso di garanzia rivolto a centoventisette persone (in data 30 ottobre 2006) e che ad oggi, fra sentenze di assoluzione, vedono condannati solo ed esclusivamente nove persone tutte nominate negli anni e con riferimenti vicini al Centro Destra, atteso che Tesi Spa fallisce sotto il Governo Regionale a guida Centro Sinistra. Non ultimo appare del tutto strana la vicenda della sentenza del 16 febbraio u.s. a favore del Presidente del Comitato di Gestione di Tesi Spa che stralciato per difetto di notifica dal nostro procedimento comune, viene giudicato per gli stessi reati da altro Collegio sempre di Cosenza. Tra l’altro, al contrario della nostra sentenza del marzo 2016 nella quale ci vengono comminati anni di condanna, per gli stessi capi di imputazione gli viene riqualificata la bancarotta fraudolenta in bancarotta preferenziale e quindi estinto per prescrizione.

Ringrazio pubblicamente le dichiarazioni di stima e di amicizia del Sindaco di Cosenza Arch. Mario Occhiuto che, giustamente, rispetta quanto prescritto dalla legge, ma ciò nonostante non risparmia attestazioni di fiducia e di professionalità nei confronti dell’Assessore Vigna e del sottoscritto. Non capisco le tempestive ed insistenti richieste di dimissioni o revoca da parte di esponenti politici nazionali regionali e locali e di qualche avvocato che oggi invoca normative che molto probabilmente neanche conosce, atteso che il procedimento di Legge prevede la sospensione da parte del Prefetto comunicata al Sindaco anche per conoscere a questo punto la sanzione inflittami per potermi riabilitare all’esercizio di eventuali incarichi o candidature libere da sospensioni. All’Avvocato intervenuto inopportunamente oggi (ieri) consiglierei di sentire parenti stretti a lui per comprendere meglio il mio operato all’interno della Società Tesi Spa ossia quello di aver garantito gli stipendi ai dipendenti fino al loro ultimo giorno di lavoro e di non aver mandato a casa ben cinquantasei padri di famiglia (già destinati a farlo). Inoltre consiglio allo stesso di invocare la celebrazione di processi rivolti a persone dello stesso Partito con cui si è candidato che potrebbero portarlo a ricoprire la carica di Consigliere Regionale. Processi che, guarda caso, si celebrano a ridosso delle prescrizioni…

All’esponente nazionale consiglierei di verificare come sia possibile che al Tribunale di Cosenza, molto frequentato dallo stesso, sia sfuggito che per gli stessi capi di imputazione due anni fa venivano condannati solo ed esclusivamente nomi vicini al Centro Destra e a distanza di due anni, nello stesso tribunale, viene riqualificata la bancarotta e quindi interviene la prescrizione, per un altro esponente non vicino al Centro Destra. Potrebbe accadere ad amici e parenti vicini a lui, oggi o domani…. Ad oggi ritengo che la battaglia intrapresa dal grande Presidente Cav. Silvio Berlusconi contro una legge assurda sarà percorsa dal sottoscritto, da oggi in poi, ancora con più forza in tutte le sedi possibili ed immaginabili. Resistere, per quanto mi riguarda, significa sostenere l’azione di un grande Sindaco quale è Mario Occhiuto, che ben conosce simili vicende in quanto bersagliato quotidianamente da soggetti che rivestono cariche istituzionali e che bendano gli occhi sulla situazione disastrosa in cui versa la Regione Calabria e puntano il dito su una vicenda che tutti i calabresi onesti  ed gli ex lavoratori di Tesi Spa conoscono molto bene. Resistere, non significa attaccamento alla poltrona di Assessore che ricopro da circa un anno, atteso che il sottoscritto è un dipendente pubblico della Regione Calabria con qualifica di Funzionario.

Aggiungo ancora che bisogna avere rispetto verso le sentenze e le disposizioni di legge conseguenti da parte di tutti soprattutto da parte di chi fa delle richieste non contemplate dalla Legge.

 

LEGGI ANCHE

TESI, caso Vigna – Spataro, il Psi chiede le dimissioni