chiuso rapina banca

Cosenza, rapina in gioielleria, trovata donna legata

Rapina in gioielleria, accaduta qualche minuto prima delle 13.30. Le indagini sono in corso. Il rapinato era armato di coltello

 

COSENZA – La rapina è stata scoperta poche ore fa e il bottino è ancora in via di quantificazione. Ad agire un giovane con indosso un cappellino con la visiera che gli nascondeva il volto. Ad essere colpita la gioielleria Luxori in via Mario Mari a Cosenza. Il giovane rapinatore, armato di coltello non appena dentro avrebbe intimato alla donna, in quel momento presente, di non muoversi e nel contempo avrebbe danneggiato la videosorveglianza interna al negozio per eludere ulteriori riconoscimenti da parte delle forze dell’ordine e potere agire indisturbato. La donna, titolare dell’esercizio commerciale, ma preposta alla vendita per conto terzi, è stata legata ad una sedia ed immobilizzata con delle fascette di plastica.

 

“L’ostaggio”, sottoposta a cure mediche dal personale del 118 intervenuto sul posto,  non avrebbe riportato nessuna ferita se non qualche leggera escoriazione. L’uomo poi, indisturbato, avrebbe guadagnato la via di fuga. Sul posto sono intervenuti gli investigatori della mobile della questura di Cosenza diretta dal vice questore aggiunto Catalano. La scientifica ha posto sotto sequestro prove documentali utili per l’attività investigative. Posti sotto sequestro anche i filmati della videosorveglianza esterna. La donna attualmente in stato di shock ha fornito sommarie informazioni sul rapinatore. Le indagini sono aperte a 360 gradi