ASCOLTA RLB LIVE
Search

Impieri si pente ed entra nella lista delle gole profonde

Luciano Impieri, appartenente al clan Rango Zingari con una condanna a cinque anni per associazione mafiosa, martedì scorso incontro la distrettuale

 

COSENZA – Il primo interrogatorio, o forse il secondo lo avrebbe tenuto martedì scorso, davanti al sostituto procuratore della Dda Camillo Falvo, il nuovo pentito Luciano Impieri che dai domiciliari passa ad una localitĂ  protetta. Ma “la nuova adesione” alla lista dei collaboratori di giustizia con molta probabilitĂ  è stata avviata negli ultimi 10 giorni, anche 15. In piĂą occasione si sono mossi i vertici dell’Arma per scambiare “quattro chiacchiere” con la Dda in Procura, tra un processo e l’altro. Particolare che non sarebbe sfuggito all’occhio allenato di chi ha capito che c’era un nuovo pentito giĂ  da martedì scorso, quando il magistrato della distrettuale ha varcato la soglia del comando provinciale dell’Arma di Cosenza, dove ad attenderlo nel reparto della stazione di Cosenza Nord c’era chi, da lì a poco avrebbe dato una nuova chiave di lettura alla mala cosentina. E come se non bastasse anche Impieri, sempre secondo indiscrezioni, avrebbe onorato questo suo impegno con la giustizia, con una  “prova d’amore” per dare atto della sua credibilitĂ , guidando i militari dell’Arma nel ritrovamento di armi.

Adesso è da capire il perchĂ© Impieri abbia deciso di saltare dall’altra parte della barricata e mettersi al sicuro. Non certamente perchè doveva scontare carcere a vita oppure una pena detentiva fino a trent’anni. Impieri, 38 anni attualmente scontava ai domiciliari una condanna a cinque anni per associazione mafiosa nell’ambito del processo “Nuova Famiglia”, ritenuto appartenente al clan Rango – Zingari. Il pentito ha avuto un atto di coscienza oppure è stato colto dal timore (o raggiunto dalla notizia)  di essere candidato a qualche “pulizia” nell’organizzazione? Adesso che la maggior parte  di chi aveva in mano le redini dell’organizzazione è “dentro”, chi è rimasto fuori può avanzare la pretesa di mettersi al comando senza tenere conto di ordini e contrordini? Da non dimenticare che circa un mese prima i militari dell’Arma, e ultimamente gli investigatori della mobile, hanno rivenuto armi di una certa portata e tutte a via Popilia. E da non sottovalutare che a Cosenza è tornata a circolare con insistenza l’eroina e negli ultimi periodi le forze dell’ordine effettuano a raffica arresti per detenzione e spaccio di droga, a testimonianza che “la roba” in cittĂ  cammina parecchio e, con molta probabilitĂ , si riconferma uno dei canali di approvvigionamento piĂą aperto e assiduo arrivare proprio dal territorio dello Ionio. Impieri segue “l’esempio” di Franco Bruzzese, Adolfo Foggetti, Giuseppe Montemurro, Marco Massaro




Impostazioni sulla privacy

Statistiche

Google Analytics - I cookie statistici aiutano i proprietari del sito Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.

_ga, _gat, _gid

Necessario

Meteogiuliacci.it - I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito Web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

_cfduid

Marketing

I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti Web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.

d, IDE, r/collect, test_cookie

Non classificati

I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.

_app_sess, afsu, google_experiment_mod, google_pub_config