ASCOLTA RLB LIVE
Search

Giornalista slovacco ucciso, in manette l’imprenditore calabrese. Il suo business e la cocaina

‘Ndrangheta e politica slovacca. In esclusiva i documenti sulle aziende di VadalĂ . Il giornalista cosentino che lo ha conosciuto ricorda le implicazioni sul narcotraffico internazionale

 

BRATISLAVA –  Due ventisettenni uccisi in un appartamento a pochi chilometri da Bratislava. Jan Kuciak e Martina KusnĂ­rova, sono un giornalista e un’archeologa. Una coppia che sembrerebbe fosse entrata nel mirino della ‘ndrangheta. Un colpo di arma da fuoco ha colpito lui al cuore, lei è stata invece raggiunta da un proiettile alla testa. Le inchieste del giovane cronista su frodi fiscali in Slovacchia, avevano portato nei mesi scorsi ad accese proteste in piazza per le dimissioni del ministro dell’Interno del governo Fico. Lo stesso primo ministro nazionalista Robert Fico, del partito Smer, che aveva annunciato l’intenzione di donare un milione di euro a chiunque avesse fornito informazioni utili per individuare i responsabili del suo assassinio. Eppure, forse, gli sarebbe bastato chiedere alla sua consulente di Stato, MĂĄria TroĹĄkovĂĄ socia dell’imprenditore calabrese, Antonino VadalĂ  arrestato vadala-prime-ministerpoche ore fa nell’ambito delle indagini sull’uccisione di Jan Kuciak e Martina KusnĂŹrova.

 

Con lui la donna ha operato nel campo degli impianti fotovoltaici e fondato un’azienda, la GIA Managment nel 2011, a cui poi è subentrato nel 2015 il cugino Pietro Catroppa (arrestato stamattina). Tra i partner dell’azienda, Viliam Jasaň segretario del Consiglio di sicurezza di Stato e deputato dello SMER il partito di Fico su cui Antonino VadalĂ  su facebook continua a cliccare ‘Mi piace’. Sembrerebbe che fu proprio lui a presentarla al parlamentare di cui divenne assistente fino alla scalata che l’ha portata ad insediarsi negli uffici del Primo Ministro Fico. Originario di Bova Marina è finito oggi in manette insieme ad altre dieci persone. Si tratta dei fratelli Bruno e Sebastiano VadalĂ , il cugino Pietro Catroppa (di 54 anni) e Pietro Catroppa (di 26 anni), il suocero Diego RodĂ  e Antonio RodĂ  (fratello di Pietro arrestato nel 2007 per commercio fraudolento di bestiame tra Italia e Slovacchia).

 

vadalĂ Antonino VadalĂ  vive tra la Slovacchia (nelle residenze delle cittĂ  di Michalovce e a Trebisov) e Bova Marina, in Calabria, dal 2002. Suo zio omonimo, Antonino VadalĂ , lo aveva preceduto nel 1991 spianando la strada del business slovacco. Rientrato in Italia morĂŹ in carcere mentre stava scontando a Melfi la condanna a sette anni di reclusione al termine del processo sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta negli appalti sulla statale 106. Si trattava dell’operazione Bellu Lavuru del 2008, che prendeva il nome da un’espressione usata dal boss Tiradritto Giuseppe Morabito intercettato nel penitenziario di Parma, mentre parlava con il genero dei  progetti dell’Anas in Calabria. 

 

L’ultimo articolo del giornalista ucciso è stato pubblicato ieri dal quotidiano slovacco per il quale lavorava Aktuality.sk. Riguarda il pagamento fraudolento di fondi europei a italiani residenti in Slovacchia con presunti legami con la ‘ndrangheta. Diverse le aziende a lui intestate, tra cui molte aperte e chiuse nel 2048-990x510termine di pochi anni. Spaziano dall’edilizia ai trasporti, la maggior parte delle quali con un capitale sociale che non supera i diecimila euro. Il giornalista investigativo cosentino Antonio Papaleo che per da anni lavora in Slovacchia, ieri su QuiCosenza.it ha parlato della vicenda ipotizzando legami tra la morte del collega e i business di VadalĂ  Oltralpe. Papaleo noto per essere sfuggito ad un agguato omicida in Thailandia ordinato da alcuni criminali slovacchi arrestati dopo alcune sue inchieste rispolvera oggi un’indagine del 2014 della Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze sul traffico internazionale di cocaina in cui compare il nome di VadalĂ . “Quando lo conobbi – racconta Papaleo – lavoravo sotto copertura. Non mi fece mistero dei suoi business e delle sue amicizie influenti. Mi chiese una fattura falsa da 500 milioni al termine della nostra conversazione”.

 

L’OMBRA DEL TRAFFICO INTERNAZIONALE DI COCAINA

CLICCA IN BASSO