Giovane si toglie la vita a Cosenza, il ricordo e la disperazione degli amici. Domani i funerali

COSENZA – A soli 18 anni Giuseppe ha deciso di farla finita, e nel silenzio del suo cuore ha compiuto un gesto che ha generato un dolore incolmabile.

Una scelta probabilmente dettata da una delusione amorosa al quale il giovane ha reagito lanciandosi dal quarto piano di una palazzina di via Panebianco mentre i suoi genitori lo aspettavano per pranzare. Appena rientrato da scuola si era rintanato nella sua stanzetta, pochi attimi per salutare i genitori. Per l’ultima volta. E nel corso delle ultime ore, sono stati diversi i messaggi lasciati sulla pagina facebook del ragazzo da parte degli amici sconvolti da quanto accaduto ieri pomeriggio.

 

”Non si può morire cosí a 18 anni ! Non riesco ad accettarlo, non posso…”.

“Eri un fratello per me! Eri il più pazzo del gruppo, sempre col sorriso, sempre a scherzare! Fratello mio, non so perchè hai compiuto questo gesto, ma ci hai lasciato senza parole… la mia vita non sará più come prima senza di te… ti ricorderó col sorriso, sempre e comunque…. ho solo il rimorso di non aver fatto l’ultima cazzata con te dopo tutte quelle che abbiamo passato! Quante risate, quante nottate, quante lacrime insieme per risolvere i problemi! Quanti sabati insieme, quante giornate al mare…. Arrivederci fratello mio, ti voglio bene, sempre… Ti porteró sempre nel cuore”. 

“Proteggicci da lassù Non meritavi di morire … perché lo hai fatto. Non meritava una tua lacrima figuriamocci la tua vita”.

 

“Ciao angelo mio…come stai? Qua siamo distrutti.

Sei via da poche ore ma hai lasciato un vuoto immenso nei nostri cuori. Io non so perché hai fatto questo gesto estremo, ma tutto si poteva risolvere, e tu lo sapevi perché eri un ragazzo intelligente e pieno di carica e allegria. Ed è proprio questo che mi sta distruggendo perché sei sempre stato la persona più solare di questo mondo; il tuo sorriso innocente e pieno di voglia di vivere cambiava le giornate di tutti noi. Adesso mi restano solo i nostri ricordi, dagli scherzi di quando eravamo piccoli alle risate più belle e spensierate che ci siamo fatti fino a ieri. Mi manchi già da impazzire. L’unico rasserenamento che ho è saperti lassù in cielo a giocare, scherzare e a rubare le macchine degli angeli del paradiso. Spero che adesso sei più sereno e che con il tuo sorriso stai contagiando tutti gli angeli del paradiso. Ora proteggici tutti da lassù e ogni tanto, se vuoi io sono qua e possiamo parlare di tutto quello che vuoi. Ti affido ogni mio secondo della giornata perché tu sei sempre nei miei pensieri”.

 

“Possano accoglierti gli angeli più belli e possano loro farti godere di gioia e spensieratezza. Proteggi la tua cara mamma, il tuo papà e il tuo fratellino dona a loro tanta forza e coraggio”.

“Giusè no non dovevi andartene così adesso mi hai lasciato così senza più un tuo sorriso, senza il tuo animo sempre allegro e scherzoso. Fratellì riposa in pace. Ho il cuore spezzato senza di te. Mi mancherai”.

“Già mi manchi.. Perché proprio tu? Perché? Non riesco a darmi pace,vorrei fosse un sogno.. Vorrei svegliarmi e riabbracciarti forte. E adesso chi mi rompe le palle per sapere se passano le circolari? Chi me le scrocca le gomme e le caramelle? E tutte le volte che ti ho chiesto di farmi compagnia e sei rimasto con me, te le ricordi? Non dovevi andare via cosi presto,non dovevi! Mi manchi piccolo mio.. Fai buon viaggio, proteggici, non abbandonarci”. 

“Giuseppù ti voglio bene.. Ti ricorderò così com’ eri e sei sempre stato…Simpaticissimo e sorridente eh soprattutto sempre disponibile con me.. Xcio’ qualsiasi cosa potevi cercarmi.. non mi resta che dirti se hai bisogno cercami nei sogni Mi mancherai”.

 

“Quel momento in cui capisci che le lunghissime chiacchierate sul farti forza, sul darti una speranza, sul combattere in qualche modo, in realtà avevano perso significato! Mi manchi Giù! Buon viaggio”.

“E che ancora non ci credo amico mio che non ci sei più. Ancora non me ne capacito che non ti vedrò più in giro. Non poterti più chiamare i pomeriggi, non vederci il sabato sera, semplicemente non poterti più neanche dare un abbraccio. Bottì io non lo so perché hai deciso questo ma sappi ovunque tu sarai che per me resterai l’amico di una vita, l’amico di mille risate, di mille situazioni. Forse non ti ho mai detto quanto ti voglio bene e mi piange il cuore ricordarlo in una situazione che non avrei mai mai e poi mai immaginato. Ora assistimi tu in ogni cosa che farò poiché per me bottiglia sarà sempre al mio fianco con quel sorriso di sempre, con quelle orecchie di sempre. Mi manchi da morire”.

 

“Ciao amico mì, ho saputo questa brutta notizia con una semplice telefonata e chi ci poteva credere , pensavo k era solo un brutto scherzo stupido , ci siamo visti sabato ed era tutto e ok !e ora ? E ora non ci sei più, sei volato in cielo ricordo i vecchi momenti passati insieme, dovevamo ripassare i vecchi tempi e ora niente, riposa in pace angelo blu! Non riesco acora a crederci”.

“Anche se non ci sei più vivrai sempre nei nostri cuori! Vai con Dio Giuseppú”.

 

L’interrogativo è certamente uno: “Perchè?” ma ciò che è rimasto nel cuore di chi lo ha conosciuto, dei genitori che lo hanno amato e cresciuto per ora è solo dolore e disperazione, perchè un ragazzo a 18 anni dovrebbe sempre scegliere di vivere la sua vita!

I funerali di Giuseppe si terranno domattina nella Chiesa di Sant’Aniello a Cosenza.