ASCOLTA RLB LIVE
Search

#Nonunadimeno: al corteo a Roma anche il Centro Antiviolenza “Roberta Lanzino” (AUDIO – VIDEO)

Il prossimo 25 novembre le strade di Roma torneranno a riempirsi di donne che intendono lanciare un messaggio chiaro: “non ci fermeremo finché non saremo libere dalla violenza maschile e di genere in tutte le sue forme”.

 

COSENZA – E’ il movimento “Non una di meno” che domani sabato 25 novembre si ritroverà a Roma dopo un anno di mobilitazioni, campagne, assemblee nazionali e tematiche, mettendo in rete esperienze e saperi femministi. Anche il centro antiviolenza “Roberta Lanzino” ha aderito alla sottoscrizione di Piano femminista contro la violenza maschile e di genere, uno strumento di lotta e di rivendicazione, un documento di proposta e di azione, che sarà portato in piazza a Roma il 25 novembre nell’ambito della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Donne che hanno realizzato un documento politico femminista che considera la violenza maschile e di genere come “fenomeno strutturale e sistemico, che non può essere affrontato aumentando le pene dei reati o con approcci emergenziali ma a partire dall’esperienza dei centri antiviolenza e del movimento femminista. Per contrastare la violenza maschile e di genere nella sua complessità, non vogliamo più polizia nelle strade e nemmeno assistenza, ma autonomia, libertà e giustizia sociale”. “Combattere la violenza maschile e di genere significa mettere in discussione la cultura e i rapporti sociali che la sostengono”.

Perchè le donne non se la sono cercata e lottano per un cambiamento strutturale, a partire dalla scuola, dal lavoro, dalla salute, dall’amministrazione della giustizia e dai media, pretendiamo il rispetto dei percorsi di libertà e autodeterminazione e dell’indipendenza. Sabato 25 novembre nell’ambito della Giornata internazionale contro la violenza alle donne, anche il centro Antiviolenza intitolato a Roberta Lanzino, sarà a Roma, ma ci sarà anche modo di aderire qui, nella città di Cosenza, per sostenere le attività del centro.

Ad illustrare i dettagli di questa giornata ai microfoni di Rlb, Assunta Ferraro, responsabile della Comunicazione per il centro antiviolenza “Roberta Lanzino” che si occupa anche di accoglienza.

ASCOLTA L’INTERVISTA

Un programma di lotta contro la violenza patriarcale e capitalistica contrO gli stupri e i femminicidi quotidiani. “Non ci fermeremo fino a quando non otterremo la libertà dalla violenza sessista – riporta il manifesto dell’iniziativa – che viviamo nei posti di lavoro, dalle molestie, dalle discriminazioni e dagli abusi di potere, ma anche quella quotidiana dello sfruttamento e della precarietà. Non ci fermeremo finché non saremo libere dalla violenza che viviamo quando i tagli di bilancio programmati dai governi nazionali ed europei impoveriscono le nostre vite e attaccano i centri antiviolenza e la loro autonomia. Non ci fermeremo finché non saremo libere dalla violenza sui social media e dei giornali, che ci colpevolizzano o vittimizzano silenziandoci”.

Continua a leggere a pagina 2