ASCOLTA RLB LIVE
Search
foto3

Perquisizioni e controlli tra i vicoli di Cosenza Vecchia, due arresti

Decine di carabinieri con l’ausilio delle unità cinofile hanno fatto irruzione alle prime luci dell’alba nel quartiere Santa Lucia

 

COSENZA – Il nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri di Cosenza, Piero Sutera, ha disposto l’intensificazione dei servizi mirati a prevenire e contrastare i reati in genere in alcune aree sensibili della Città di Cosenza. foto2Dalle prime luci dell’alba di oggi, i militari del Comando Compagnia Carabinieri di Cosenza hanno passato al “setaccio” il centro Storico di Cosenza. Le zone attenzionate sono state quelle degli angusti vicoli del quartiere Santa Lucia dove si vanno a snodare e intersecare Via Santa Lucia, Vico San Tommaso Tommaso nonché quella Via Abate Salsi e Via della Giostra Vecchia.
 
 
Un impegno che ha visto in campo decine di carabinieri, i quali, nel corso delle attività hanno verificato chi occupa gli stabili, spesso fatiscenti, e la regolarità degli allacci alle utenze alla rete elettrica con il supporto di personale specializzato della società distributrice. Le operazioni – che hanno visto impiegati anche reparti speciali dell’Arma quali le unità cinofile antidroga del 14° Battaglione “Calabria” di Vibo Valentia – hanno permesso di scovare otto persone che abusivamente avevano allacciato l’energia elettrica direttamente sulla linea principale.

 

Sei sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria per furto aggravato mentre altre due persone, padre e figlio, sono state arrestate e trattenute presso le camere di sicurezza a disposizione della Procura di Cosenza. Nel corso delle attività sono state controllate 32 abitazioni e dozzine di residenti. Inoltre, nel corso del servizio di cinturazione del quartiere, durante il quale è stato effettuato il filtraggio della circolazione stradale nelle principali vie di comunicazione, sono state elevate alcune contravvenzioni in violazione al codice della strada, e sono stati altresì controllati 33 soggetti sottoposti a misure cautelari e di prevenzione.

foto1